Addio Provincia. La scure di Tremonti si abbatte su Caltanissetta

7

La manovra lacrime e sangue di Tremonti, per raggiungere l’agognato pareggio di bilancio, passa dal taglio dei costi della politica e che prevede pure la cancellazione di ben 37 province italiane. Tra queste, nell’elenco comparirebbe la provincia nissena e quella di Enna.

Ma ecco l’elenco delle 37 province sotto i 300mila abitanti, che rischiano di scomparire  in base alla norma contenuta nella bozza della manovra all’esame del Consiglio dei ministri.

Accanto il numero degli abitanti

Ascoli Piceno: 214.068
Asti: 221.687
Belluno: 213.474
Benevento: 287.874
Biella: 185.768
Caltanissetta: 271.729
Campobasso: 231.086
Carbonia-Iglesias: 129.840
Crotone: 174.605
Enna:172.485
Fermo:177.914
Gorizia:142.407
Grosseto:228.157
Imperia:222.648
Isernia:88.694
La Spezia:223.516
Lodi:227.655
Massa Carrara: 203.901
Matera:203.726
Medio Campidano:102.409
Nuoro:160.677
Ogliastra:57.965
Olbia Tempio: 157.859
Oristano: 166.244
Piacenza 289.875
Pistoia: 293.061
Prato: 249.775
Rieti: 160.467
Rovigo: 247.884
Savona: 287.906
Siena: 272.638
Sondrio: 183.169
Terni: 234.665
Trieste: 236.556
Verbano-Cusio-Ossola: 163.247
Vercelli: 179.562
Vibo Valentia: 166.560

Da 38, il numero scende a 37 perché Aosta non è più Provincia in quanto coincidente con la Regione.

7 Commenti

  1. La vergogna della politica…
    Si crea un “de profundis” solo per realizzare quello che già il Tomasi di Lampedusa affermava: …si cambia tutto perché nulla cambi…
    Si lascia un territorio enorme che è praticamente tutto quello del centro Sicilia senza un capoluogo, perchè si vuole risparmiare…
    Ma risparmiare cosa? Ma perchè non si aboliscono tutte la province? Perchè non si parte da quelle tanto care ai nostri politici regionali tipo Palermo e Catania ? Credo che le due province messe assieme spendano un “tantino di più” di Caltanissetta ed Enna messe assieme!
    E’ assolutamente scandaloso…cancellare ed azzerare un territorio che tra pochi anni diventerà desertico e desolato “grazie” alla politica “illuminata” di “strateghi della politica” come Armao e Lombardo, per di più degli stessi colori politici del presidente della provincia, votato dai nisseni! E’ stato eletto un rappresentante politico armandolo di fatto della scure che ora si vuole abbattere sulla sua stessa gente!

    NISSENI RIBELLIAMOCI, almeno per una volta cerchiamo di fare sentire la nostra voce, cerchiamo di far valere i nostri diritti!
    Lo dico a tutti i nisseni della provincia anche ai gelesi che staranno già fantasticando con una nuova provincia.
    Guardate che se aboliscono la provincia di CL, Gela non ne avrà una sua, ma sarà accorpata ad un’altra, magari Agrigento, città peraltro più piccola della stessa Caltanissetta. Non penso che ad un altro territorio interesseranno gli interessi di Gela, che fino ad oggi ha sempre portato alla Provincia nissena un proprio cittadino no?
    Chi meglio di un gelese ha potuto e potrà fare gli interessi della propria città?
    Pensateci bene…uniamoci e difendiamo la provincia per il bene di tutti…se non ci muoviamo rischiamo la morte economico-sociale.

  2. Non ho capito una cosa…
    La provincia di Caltanisetta ed Enna saranno insieme? io penso che saltano tutte due potrone. Enna ritorna alla provincia di Catania. Caltanisetta quella di Agrigento…

  3. A mio parere andrebbero tagliate tutte le province, dividendo i poteri tra comuni e regioni.
    Serve una riorganizzazione completa del sistema amministrativo Italiano, e togliere tutto quello che il dopo guerra, di inutile ha creato. Enti inutili e fasulli, gli stessi Ato dispendiosi e superflui.
    Si dovrebbe stare attenti agli invrestimenti inutili, come, le auto elettriche che a Napoli erano state acquistate e adesso rottamate in quanto inservibili…..
    C’ e’ tanto da fare, ma per questo un colpo di bacchetta magica non e’ sufficiente!! Una riorganizzazione di tale portata non si può effettuare con un decreto, servirebbe un progetto da ratificare magare tra le commissioni,,,,,

  4. A quanto pare, la manovra lacrime e sangue di Tremonti e Berlusconi, finalizzata al raggiungimento dell’agognato pareggio di bilancio, passa dal taglio dei costi della politica. Tra i tagli previsti, la cancellazione di 37 province italiane. Tra queste comparirebbero la provincia nissena e quella ennese. Altro che Provincia del Golfo, dunque, in aggiunta alle esistenti! La scure del Governo – inesorabile – si abbatte sul territorio della Sicilia centro-meridionale e accorpa Enna e Caltanissetta. Insomma, se tutto va male, dovremmo avere la Provincia Regionale di Calta-Enna. Sempre e comunque la provincia più depressa d’Italia. Però.

  5. Finalmente giustizia è stata fatta!!!
    Mi chiedo perché una città di 80.000 abitanti come Gela che ne conta più di Caltanissetta ed Enna messe assieme non deve avere riconosciuti i suoi diritti.
    E poi Gela è uno dei motori dell’economia Sicilia producendo gran parte del PIL regionale con la sua industria.
    Secondo me sarebbe la giusta ricompensa per una città che nei suoi mille problemi ha però dato tanto alla Sicilia sacrificando il settore ambiente a causa dell’inquinamento.
    Per farvi un esempio è assurdo che a Caltanissetta l’ospedale abbia più posti letto di Gela vista la notevole differenza di abitanti. Perché a Caltanissetta c’e il polo oncologico per i tumori e a Gela (vista l’industria petrolchimica) dove il tasso di incidenza dei tumori è superiore non c’e il polo oncologico e i poveri malati di tumori devono recarsi fuori sobbalcandosi spese di trasporto e stress di viaggio.
    In questo paese esistono cittadini di serie A e B.
    Ma quando i nodi vengono al pettine togliersi i sassolini dalle scarpe aiuta a sfogarsi.

    • caro Valerio, forse non hai capito, ma (ahimè per te) non si abolisce la provincia di Caltanissetta e si fa diventare la provincia di gela, ma si accorpano la provincia di Caltanissetta e Enna…quindi è inutile che polemizzi sulla disparità tra la nostra città e la tua….Scusami, ma non avete da ben 15 anni un presidente della provincia vostro compaesano che ha portato la provincia allo sfascio???

Comments are closed.