Salute

Italia, 21enne dimessa dopo un mal di testa muore all’improvviso: aperta inchiesta per omicidio colposo

tgcom24.mediaset.it

Italia, 21enne dimessa dopo un mal di testa muore all’improvviso: aperta inchiesta per omicidio colposo

Mer, 25/05/2022 - 08:08

Condividi su:

La Procura di Reggio Emilia ha aperto un’inchiesta per omicidio colposo a carico di ignoti per la morte della 21enne Irene Montruccoli.

 La giovane, residente ad Arceto di Scandiano, è morta domenica all’ospedale Maggiore di Parma, dove era stata trasportata in elisoccorsoa causa di un malore improvviso. Il magistrato ha disposto l’autopsia sul corpo della ragazza per stabilire le cause del decesso.

La ragazza lamentava da alcuni giorni dolori alla testa. Venerdì si era recata al pronto soccorso del Santa Maria Nuova di Reggio Emilia ed era stata curata con una terapia endovenosa, per poi essere rimandata a casa. Il giorno successivo era ritornata in ospedale in quanto il dolore non si attenuava, ma dalla Tac sembrava non essere emerso nulla. Infine, domenica era stata colpita da una crisi fino a perdere i sensi. I familiari avevano dato subito l’allarme e, prima dell’arrivo del 118, un medico, vicino di casa, aveva tentato invano di rianimarla.

Ma la ragazza non ha mai ripreso conoscenza e, qualche ora dopo, ricoverata nell’ospedale parmense, il suo cuore ha cessato di battere.

Irene frequentava la facoltà di ingegneria a Modena e avrebbe fatto il compleanno tra pochi giorni. Stando a quanto riferito dai familiari, era una ragazza sportiva, appassionata di motocross e Karate, e non aveva problemi di salute pregressi.

Ilaria, la sorella di Irene, ha voluto ricordarla con un messaggio su Instagram, accompagnato da una foto che le vedeva ritratte in un abbraccio: “Eri e sarai sempre la più bella – si legge nel post – la più intelligente, la più buona e la più forte tra noi due e tra tutti gli altri. Rimarrai per sempre con me angelo mio, dentro il mio cuore e dentro la mia anima. Il nostro legame andava e continuerà ad andare oltre ogni cosa”.