Salute

Da Caltanissetta a Padova, marocchino ammazza la moglie incinta: lei lo aveva già denunciato

Andrea Pistore e Roberta Polese - corrieredelveneto.corriere.it

Da Caltanissetta a Padova, marocchino ammazza la moglie incinta: lei lo aveva già denunciato

Condividi su:

Da Caltanissetta a Padova, marocchino ammazza la moglie incinta: lei lo aveva già denunciato

Dramma nella notte a Cadoneghe. Il quarantenne Jennati Abdelfettah, ha accoltellato la moglie Aychanata El Abioui, con un coltello da cucina, poi ha chiamato i carabinieri: «Ho ammazzato mia moglie, venite». I militari sono corsi in via Piave , dove la coppia di origini marocchine abitava insieme ai tre figli, e hanno trovato la trentenne nel suo letto, ferita con un coltello da cucina. Il marito è stato arrestato mentre i tre bambini sono stati affidati alle cure di un’amica della famiglia. Secondo le prime ricostruzioni, l’uomo ha accoltellato la moglie mentre dormiva.

La denuncia

Il sindaco di Cadoneghe di Cadoneghe Marco Schiesaro, arrivato sul posto, ha confermato che la donna stesse aspettando un quarto figlio e che in passato avesse denunciato il marito per violenza ma poi avesse ritrattato. « Il medico legale, intervenuto sul posto, non può confermare la gravidanza, l’ultima parola la dirà l’autopsia che il pm ha già disposto. «Il 4 ottobre — ha precisato il sindaco — ha presentato una denuncia, sosteneva che il marito volesse accoltellarla alla schiena».

La famiglia

Il primo cittadino ha aggiunto che la famiglia si era trasferita nel paese una una ventina di mesi fa, proveniva da Caltanissetta. Nel 2019 aveva chiesto aiuto al Comune per il pagamento delle bollette e lo stesso aveva fatto nel 2020 durante il lockdown di primavera. I figli, tutti minorenni, frequentano le scuole comunali. Sul posto i carabinieri, il pm di turno Marco Brusegan e il medico legale Antonello Cirnelli. L’uomo, di origine marocchina, è stato arrestato. L’omicidio è avvenuta nella ricorrenza più drammatica, la giornata mondiale contro la violenza sulle donne.