Zona franca: Lumia “Eliminare intermediazione burocratica e clientelare”

0

“L’idea di fondo è eliminare l’intermediazione burocratica e clientelare, affaristica e mafiosa, che impedisce la crescita economica del territorio”. Illustra così il “cuore” del disegno di legge presentato insieme all’onorevole Daniela Cardinale il senatore Giuseppe Lumia, a margine della manifestazione “Contro la mafia e per il lavoro” promossa a Caltanissetta da Cgil, Cisl e Uil. “Altro punto saliente – dice – è che nei territori gli incentivi alle imprese arrivino direttamente, senza la necessità di troppe scartoffie né politici in mezzo, in modo da creare lavoro e creare innovazione, di cui il sistema ha bisogno. Mi auguro che questa proposta faccia in modo che i consorzi Asi diventino aree “messe in sicurezza” nel senso che la mafia non deve poterci entrare in nessun modo e che per le imprese ci possano essere tutti i vantaggi tipici delle zone franche, con criteri moderni ed avanzati attraverso il meccanismo del credito d’imposta che raggiunge direttamente l’imprenditore, lo libera dalla burocrazia e gli consente di fare finalmente un percorso lineare”.

“La Regione sta con noi – sottolinea Lumia – ed è previsto a breve un incontro tra il presidente Lombardo e il Tavolo di regia, che ha sottoscritto la nostra proposta, che nasce a Caltanissetta perché qui abbiamo innestato sul rapporto legalità e sviluppo l’impresa, la sana politica, i sindacati, tutte le associazioni imprenditoriali, commerciali, agricole, qui abbiamo fatto la scommessa di colpire la mafia attraverso un approccio nuovo. E i risultati sono oggi sotto gli occhi di tutti”.