Salute

Eccellenza. La Nissa non brilla ma vince lo stesso. Con il Dolce Onorio Folgore decide Campanaro su rigore.

Redazione 1

Eccellenza. La Nissa non brilla ma vince lo stesso. Con il Dolce Onorio Folgore decide Campanaro su rigore.

Dom, 02/05/2021 - 19:22

Condividi su:

Eccellenza. La Nissa non brilla ma vince lo stesso. Con il Dolce Onorio Folgore decide Campanaro su rigore.

Vittoria pesantissima per la Nissa che ha superato al “Tomaselli” 1-0 il Dolce Onorio Folgore di Castelvetrano. Ha deciso un gol segnato su calcio di rigore da Fabio Campanaro dopo 37 minuti di gioco nei quali la Nissa aveva giocato oggettivamente male rischiando anche di andare sotto.

La squadra di Angelo Bognanni oggi non ha ripetuto la gran prestazione che l’aveva vista protagonista nel turno precedente con la Sancataldese nel derby. Bognanni ha dovuto inserire Bisogno esterno basso per l’infortunio occorso al giovane Salvo, con la conseguenza che ha dovuto collocare l’esperto mediano praticamente in un ruolo non suo.

L’inizio del match è stato da incubo per una Nissa che ha sbagliato tanto e che ha rischiato di andare in svantaggio. Se questo non è accaduto è stato per il fatto che la squadra del presidente Giammusso ha tra le sue fila uno dei migliori portieri della categoria, e cioè Keba. Il portierone della Nissa, il migliore, assieme a Tosto, Campanaro e Conti, ha sventato con un miracolo una conclusione da distanza ravvicinata di Carovana, per poi fermare il lanciatissimo Sami in un’azione che avrebbe potuto concretizzarsi pericolosamente per i suoi compagni.

Come accade in questi casi, la squadra che gioca meno bene, solitamente è quella che passa in vantaggio. Questo è accaduto puntualmente anche oggi con la Nissa che al 37′, per un atterramento di Illario in area di rigore, s’è vista concedere il calcio di rigore. Dal dischetto Campanaro ha battuto il portiere trapanese con un preciso tiro di piatto alla sua sinistra.

Nella ripresa ancora Dolce Onorio Folgore alla ricerca di un pari che non è arrivato per poco ancora con Carovana (palla respinta sulla linea) e nel finale con Pizzo. La Nissa ha avuto tra i piedi la palla del raddoppio con Stassi la cui conclusione è stata parata dal portiere ospite.

Alla fine 3 punti di un’importanza vitale per la Nissa che, complice il pari ottenuto dal Misilmeri all’Esseneto con l’Akragas, s’è portata al terzo posto solitario con 11 punti in classifica dietro alla sola coppia di testa formata da Sancataldese e Mazara.

Necrologi di Caltanissetta