Salute

Rassegna Stampa: Caltanissetta “accende” il Natale

Lino Lacagnina - La Sicilia

Rassegna Stampa: Caltanissetta “accende” il Natale

Sab, 28/11/2020 - 10:21

Condividi su:

Rassegna Stampa: Caltanissetta “accende” il Natale

Con il progetto denominato “Accendiamo il Natale 2020”, l’Amminstrazione comunale intende lanciare un segnale di serenità ma anche di slancio per essere pronti alla ripartenza.

«Il Natale ormai alle porte, il primo e speriamo l’ultimo in era Covid-19 – affermano gli assessori Grazia Giammusso e Fabio Caracausi che hanno curato più da vicino l’idea progettuale – ha delle connotazioni diverse dal solito. Abbiamo pensato che la luce, simbolo di speranza e di fiducia verso il futuro può diventare il filo conduttore di questo feste natalizie per affrontare questo periodo di isolamento e contrastare “l’oscurità” che incombe sui nostri animi.

Il progetto di illuminazione dei monumenti, edifici di importanza storica, architettonica o civile, è un elemento fondamentale per valorizzare gli aspetti caratteristici di ogni spazio urbano». Per dare vita al progetto (interamente finanziato dal Comune) verranno illuminati Palazzo del Carmine, la Cattedrale, la chiesa di San Sebastiano, ma l’Amministrazione comunale ha già invitato a fare altrettanto altri enti ed istituti di credito. «Spesso alcuni monumenti ed edifici storici – aggiungono i due assessori – hanno una funzione rappresentativa o sono semplicemente divenuti punti di riferimento per gli abitanti di una città: quindi una buona verifica luminotecnica avrà il compito di sottolinearne il valore, pur mantenendone immutati prestigio e caratteristiche.

Per Natale 2020 vogliamo utilizzare questo nuovo concetto di illuminazione architetturale per dare visibilità insieme al centro ad altre zone della nostra città, cercando di coinvolgere le persone che in quei luoghi vivono per renderle protagoniste di un evento innovativo». La “bella luce” verrà proposta per tutto il periodo natalizio a partire da lunedì 7 dicembre e sino al 6 gennaio dalle ore 18 alle le 23. Oltre a questo, nello stesso periodo verrà riproposto in piazza Garibaldi l’albero modulare che i nisseni hanno avuto modo di “conoscere” lo scorso anno. L’altezza dell’albero sarà quasi certamente la stessa, perché aggiungere un altro modulo (come era stato detto lo scorso anno) avrebbe comportato una spesa che l’Amministrazione comunale per quest’anno preferisce evitare.

Parallelamente a tutto ciò, è il corso di elaborazione un altro progetto, curato dall’assessore Marcella Natale, che riguarda l’allestimento di presepi all’interno delle vetrine dei negozi del centro storico attualmente sfitti. In questo caso c’è da superare il problema dell’energia elettrica che questi locali non hanno e che impedirebbe di arricchire con l’illuminazione i caratteristici paesaggi natalizi.

Ma a proposito di illuminazione, a rendere più… vivace la città hanno già provveduto gran parte dei commercianti i quali si sono fatti carico di fare installare luminarie nelle facciate esterne dei loro negozi, oltre che ovviamente arricchire di addobbi le rispettive vetrine. L’allestimento anticipato degli addobbi ed uno video inserito su facebook (in cui i titolari compiono l’eloquente gesto di invito a visitare i loro negozi) ha anche un preciso significato: quello di invogliare i nisseni a fare acquisti soprattutto in questo particolare momento in cui sta venendo meno la clientela dei residenti in altri Comuni, impossibilitati a spostarsi.

A rendere più gioioso il periodo natalizio, ci sarà pure il “Natale in Rosa” con quattro appuntamenti in diretta web finanziati da imprenditori locali che si svolgeranno in Cattedrale (l’8 dicembre, protagonisti Women Gospel Mast 79 diretti da Mariangela Rizza) e nelle chiese Regina Pacis (il 20 dicembre con Debora Di Pietra), Sant’Agata (il 26 dicembre con Tr3 Qu4rti Ensemble diretti da Laura Gallo) e Santa Croce (il 6 gennaio con Sara Sauta).