Salute

Sant’Elia di Caltanissetta: spazi condivisi tra urologia e chirurgia vascolare, un condominio sinonimo di criticità

Redazione

Sant’Elia di Caltanissetta: spazi condivisi tra urologia e chirurgia vascolare, un condominio sinonimo di criticità

Mar, 30/06/2020 - 02:20

Condividi su:

Sant’Elia di Caltanissetta: spazi condivisi tra urologia e chirurgia vascolare, un condominio sinonimo di criticità

Il reparto di Urologia presso l’Ospedale Sant’Elia di Caltanissetta, al momento, è chiamato a “convivere” con quello di chirurgia vascolare, con tutti i disagi che, inevitabilmente, ne derivano e che potrebbero derivarne per tutti quei pazienti che necessitano di cure ed interventi di tipo uro – oncologici.
E’ quanto ha appreso la redazione del Fatto Nisseno a proposito della situazione relativa al reparto di Urologia. Tale reparto si trovava al 5^ piano in uno spazio proprio, ma prima che iniziassero gli accorpamenti legati all’emergenza del Covid 19 è stato accorpato, sempre al 5^ piano, con quello di chirurgia vascolare, mentre laddove era in precedenza collocato lo stesso reparto di urologia, è stato posto quello di psichiatria.
Da allora il reparto di Urologia, a differenza di altri reparti che, finita l’emergenza Covid, sono rientrati nella loro location precedente, si ritroverebbe invece a dover coesistere con quello di Chirurgia Vascolare all’interno di uno spazio che permetterebbe di dividersi una decina di posti letto.


Un numero di posti che appare esiguo e che sarebbe insufficiente considerate le esigenze dell’utenza dei due reparti. Un problema non di poco conto, considerato che, persistendo tale “coesistenza”, i pazienti di urologia, come quelli di chirurgia vascolare, devono fare i conti con un dimezzamento del numero di posti letto.
Dunque, una coabitazione che, considerata la delicatezza delle problematiche che investono i pazienti con criticità cardio vascolari ed anche di tipo uro – oncologiche, in tanti si augurano possa, quanto prima, venir meno consentendo ai due reparti di recuperare la loro dimensione originaria ed autonoma al fine di rispondere a quelle che sono le esigenze delle rispettive utenze.