Caltanissetta: lavoro congiunto per la stabilizzazione dei precari della CCIAA

0

Si conclude l’odissea dei 41 precari della Camera di Commercio di Caltanissetta che, dopo oltre 22 anni, sono in fase di stabilizzazione.
Un traguardo raggiunto grazie all’impegno condiviso del Governo regionale, dell’assemblea regionale siciliana e del sindaco di Caltanissetta. Una sensibilizzazione che, tutti i protagonisti hanno sottolineato essere priva di colore politico o desiderio di primogenitura. Lo sviluppo del territorio e il diritto al lavoro, infatti, è un dovere civico che tutti i rappresentanti istituzionali devono assumersi.
Giovanna Candura, Commissaria Straordinaria della Camera di Commercio di Caltanissetta, ha manifestato una grande soddisfazione per l’obiettivo raggiunto. “Non è accettabile che un lavoratore debba svolgere la propria attività avvertendo sulla propria testa una spada di Damocle. La serenità di una stabilità garantisce dignità umana ed efficienza professionale”.
Roberto Gambino, sindaco di Caltanissetta “Finalmente i lavoratori che da oltre 20 anni varcano le porte di questo palazzo potranno avvertire di avere un contratto dignitoso. La stabilizzazione, in questo contesto, è un diritto che non dovrebbe essere messo in discussione”.
Michele Mancuso, deputato regionale, ha ribadito il proprio sostegno a tutti i lavoratori che vivono in condizioni di incertezza: “Il nostro impegno è quello di sostenere la stabilizzazione di tutti i precari a prescindere dallo stato di salute dell’ente al quale si appartiene”.
Quello di abolire steccati allo sviluppo fa parte di un ampio progetto messo in campo in tutta la Sicilia dall’attuale Governo Regionale. Al vaglio della stabilizzazione, oltre agli 85 precari della Camere di Commercio della Sicilia, la Giunta Musumeci si è impegnata per stabilizzare lavoratori delle ASP, delle amministrazioni pubbliche ed enti locali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here