Caos rifiuti, il presidente del consiglio comunale Zummo: “Sindaco, non prosegua con marcia solitaria”

0

Calogero Zummo
CALTANISSETTA – Il presidente del Consiglio Comunale, Calogero Zummo, interviene in merito alle dichiarazioni del sindaco Michele Campisi di volere riorganizzare il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani a Caltanissetta. Il primo cittadino ha manifestato la volontà di voler gestire tutto il ciclo dei rifiuti urbani in città, seguendo le direttive del Governatore Crocetta e dell’Assessore Regionale Marino

“L’emergenza rifiuti è diventata oramai uno dei problemi principali, se non il principale, per tutti i comuni siciliani. Uno dei fattori che secondo me ha causato il collasso della gestione dei rifiuti solidi urbani in Sicilia – ha continuato Zummo – è stato proprio quello di avere affrontato la questione a compartimenti stagni, con l’istituzione di enti che hanno complicato la gestione dei rifiuti e senza una reale visione d’insieme a lungo termine. Continuare su questa strada è solo un suicidio. L’unico modo per cercare di risolvere definitivamente il problema – ha proseguito il Presidente – salvaguardando i posti di lavoro e creando un servizio efficiente, è quello di coinvolgere tutto il consiglio comunale e iniziare una concertazione con coloro che possono dare un contributo fattivo in materia. Dalle forze sociali e sindacali a quelle politiche, e quei liberi comitati di cittadini che, in questi anni, si sono costituiti e, spesso, hanno anche provato a suggerire agli amministratori delle soluzioni, e definendo anche un piano economico finanziario atto a garantire il livello occupazionale e una futura organizzazione tale che possa aumentare la percentuale della raccolta diversa. Solo così – ha continuato il Presidente del Consiglio Comunale – con un approccio collegiale e condiviso, riusciremo a dare risposte concrete e fattive sia ai lavoratori sia ai nostri concittadini.  Mi auguro – ha concluso Zummo –  che il sindaco Campisi questo lo capisca e non voglia proseguire questa Sua marcia in solitaria”.