Salute

Muos Niscemi, sentenza Cassazione: “nessun danno alla salute”, Comune condannato a pagare

Redazione 2

Muos Niscemi, sentenza Cassazione: “nessun danno alla salute”, Comune condannato a pagare

Mar, 12/10/2021 - 15:54

Condividi su:

La procedura dell’assessorato regionale territorio e ambiente con la quale nel 2013 si e’ dato l’ok definitivo alla realizzazione del Muos di Niscemi e’ stata corretta.

Lo aveva sancito qualche anno fa il Consiglio di giustizia amministrativa e ora lo confermano anche i giudici della Sezione unite della Cassazione con un’ordinanza in cui sono racchiusi i motivi con i quali il presidente Pietro Curzio (relatore Lina Rubino) ha ritenuto infondato il ricorso presentato dal Comune di Niscemi. La realizzazione delle antenne americane del Muos sono state al centro di una controversia burocratica e amministrativa.

Prima l’ok all’installazione del sistema satellitare americano da parte di tutti gli organismi regionali (compreso il Comune di Niscemi), poi la revoca da parte della Giunta regionale della Sicilia per la prosecuzione dei lavori e poi la “revoca della revoca” da parte del dirigente generale dell’assessorato regionale al Territorio e Ambiente, con la quale 8 anni fa si e’ conclusa la procedura burocratica.

Ne e’ sorto un contenzioso prima al Tar e poi al Cga. Durante questo grado di giudizio i giudici, prima ancora di decidere nel merito della questione, hanno dato incarico a diversi tecnici affinche’ si valutasse l’impatto sanitario del sistema delle telecomunicazioni americano nel territorio e poi se la procedura adottata dall’assessorato regionale Territorio e ambiente con la “revoca della revoca” dell’indirizzo della Giunta regionale fosse stata corretta.

I giudici del Cga – dopo il deposito delle consulenze tecniche – alla conclusione del procedimento, hanno escluso che “la realizzazione del progetto e le emissioni elettromagnetiche derivanti dalla realizzazione dell’impianto Muos comportino un rischio per la salute umana e per la sicurezza del traffico aereo”.

Contro la decisione del Cga il Comune di Niscemi ha presentato ricorso in Cassazione perche’ l’ente “non e’ stato messo in grado di partecipare a mezzo di propri legali alle riunioni e che siano state introdotte nella verificazione documentazioni prodotte dall’ambasciata americana che non facevano parte del giudizio”.

Ma tutti i motivi sono stati ritenuti infondati cosi’ si chiude definitivamente il contenzioso amministrativo tra il ministero della Difesa e il Comune di Niscemi, quest’ultimo condannato a pagare 10 mila euro allo stesso ministero.

Necrologi di Caltanissetta