SS 640, arrivano i primi soldi ai creditori. Il viceministro Cancelleri “spinge”: “Completare l’opera”

0

CALTANISSETTA – Una parte del consistente credito vantato dalle imprese che in questi sette anni hanno fornito servizi e materiali alla “Cmc” per consentire all’impresa ravennate il raddoppio della ex scorrimento veloce Agrigento-Caltanissetta-autostrada Palermo/Catania – si parla di almeno70 milioni di euro, ma c’è chi sostiene che ai creditori devono essere pagati in tutto circa cento milioni di euro – verrà pagato a giorni, con molta probabilità tra lunedì e martedì della prossima settimana.

Si trattadi un ulteriore acconto di un milione 733 mila euro che –come ha annunziato il viceministro alle Infrastrutture Giancarlo Cancelleri nel corso del sopralluogo effettuato otto giorni fa in contrada “Grottarossa”–è stato ricavato da uno stato di avanzamento dei lavori eper il quale l’Anas ha già definito la procedura di pagamento;una somma che sarà ripartita tra quelle imprese che assicurano la continuità dei lavori. Oltre a questa somma è in arrivo un altro acconto di un milione e 600 mila euro, che l’Anas dovrebbe mettere in pagamento nei prossimi giorni. «L’obiettivo è di fare in modo che i lavori continuino senza interruzioni sino al completamento dell’intera opera», ha ribadito il viceminisitro Cancelleri, e a conferma di questo impegno ha ulteriormente sollecitato l’impresa “Rillo Costruzioni”, che si sta occupando della sistemazione delle barriere nell’intero percorso della “640”, di provvedere con sollecitudine a sistemare i guardrail nel tratto che da contrada Grottarossa arriva sino a Bigini (vicino il campo-base della “Cmc”), in maniera da rendere fruibile agli automobilisti anchei sei chilometri già quasi del tutto completati ed in grado quindi di collegare in poco tempo Canicattì con Caltanissetta. Sino ad ora per sistemare queste barriere dall’azienda salentina è stata impiegata una sola squadra di operai, ma dalla prossima settimana il numero dei lavoratori dovrebbe essere triplicato, in maniera da completare l’attività prima delle festività natalizie: una “scadenza”che appare più che possibile per la carreggiata che da Caltanissetta arriva a Grottarossa, mentre per quella che da Canicattì arriva al capoluogo nisseno è ancora necessario completare pure il trattostradale cheda Favarella arriva sino a Bigini. Ieri mattina il vescovo Mario Russotto ha intanto incontrato il vicepresidente dei comitato dei creditori Salvatore Giglio, il quale ha riferito al prelato sulle ultime novità e sulla possibilità di continuare i lavori sino al completamento dell’opera. (di Giuseppe Scibetta, fonte La Sicilia)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here