Open Arms, Procura dispone sequestro e sbarco. Ong: Finisce incubo.

0

Dopo 19 giorni di attesa e polemiche arriva la svolta. Il procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio ha ordinato lo sbarco in Sicilia dei migranti raccolti dalla Open Arms e il sequestro della nave spagnola al largo di Lampedusa. È stato aperto, inoltre, un fascicolo contro ignoti. Dopo un’ispezione del magistrato di circa un’ora con la polizia giudiziaria e due medici, ecco la decisione, presa, secondo alcune fonti, vista la difficile situazione a bordo. I sopravvissuti dovranno essere sbarcati nelle prossime ore sull’isola. “La Procura di Agrigento dispone lo sbarco immediato di tutte le persone a bordo di Open Arms nel porto di Lampedusa. Finalmente l’incubo finisce e le 83 persone rimaste riceveranno assistenza immediata in terra”, il tweet liberatorio dell’organizzazione non governativa iberica.La situazione si è sbloccata dopo una giornata ad alta tensione, caratterizzata dall’ennesima evacuazione “per urgenti motivi medici”, secondo l’Ong, e da scene di disperazione. Alcuni migranti hanno deciso di tuffarsi in mare. Il primo è stato un uomo, che si è gettato in acqua ed è stato recuperato da una motovedetta della guardia costiera. La scena si è ripetuta poco più tardi con altri tre gruppetti, rispettivamente di nove, cinque e due persone, nel tentativo di raggiungere a nuoto la costa. “La situazione è fuori controllo”, ha twittato Open Arms. Poi le parole messe nero su bianco da Alessandro Dibenedetto, psicologo e psicoterapeuta di Emergency, nell’ultima relazione: “Spazi ristretti, promiscuità e diverse provenienze culturali vanno ad aggravare la condizione di vita ormai giunta al limite”. “La situazione – ha aggiunto – sta peggiorando sempre di più”, al punto che le condizioni rischiano di diventare ancora “più critiche e insostenibili”. Si è mossa anche la Commissione europea, tornata a chiedere, mediante la portavoce Natasha Bertaud, una cooperazione tra le parti coinvolte, inclusa la stessa Ong, mentre il governo spagnolo ha fatto sapere che avrebbe inviato una nave militare per recuperare i migranti. “Una buona notizia: finalmente l’ormai insostenibile situazione sulla nave dell’Ong potrà trovare una soluzione che tuteli le persone, a bordo ormai da 19 giorni, e che non lasci l’Italia da sola”, è stato il commento del ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Danilo Toninelli, dopo la mossa di Madrid. Il titolare del Viminale, dopo aver annunciato il provvedimento di Patronaggio, ha riferito invece in una diretta Facebook che “l’ipotesi di reato a carico di ignoti – l’ignoto immagino si chiami Matteo Salvini – sarebbe abuso d’ufficio rilevato in relazione al mancato mantenimento delle condizione igienico-sanitarie a bordo”. Il leader leghista, intanto, ha ribadito: “Io testardamente continuo a difendere sicurezza e confini dell’Italia, che non è più il campo profughi d’Europa”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here