Creditori CMC: “Sul punto di fallire, in attesa del Dl Crescita. Preghiamo insieme al vescovo di Caltanissetta”

0

Sono ore di trepidazione per le 120 imprese siciliane creditrici del gruppo Cmc di Ravenna e dei loro 2.500 dipendenti. L’impegno mantenuto di riavviare i cantieri sulla Palermo-Agrigento, sulla Agrigento-Caltanissetta e sulla metropolitana di Catania senza ricevere il saldo dei pregressi crediti per 60 milioni di euro ha definitivamente prosciugato ogni riserva finanziaria e, non trovando banche disposte a concedere anticipi sui crediti, le imprese in questo mese non hanno potuto onorare le scadenze fiscali, molte di loro rischiano per questa ragione di non potere partecipare ad altre gare d’appalto e sono sul punto di portare i libri in tribunale. Attendono, quindi, con ansia che il Senato approvi entro questa settimana il Dl Crescita che contiene il Fondo Salva-imprese, al momento il loro unico salvagente. Ma leggono sulla stampa di fibrillazioni nell’Emiciclo di Palazzo Madama che prescindono dalla situazione siciliana e che, però, potrebbero mettere a rischio l’iter parlamentare del provvedimento.

“In questi cinque mesi di dura vertenza – dichiara il Comitato dei creditori – abbiamo ricevuto la massima attenzione e disponibilità a tutti i livelli istituzionali e politici, in ambito governativo e parlamentare, ben al di là delle nostre ragioni e nonostante la nostra intuibile inesperienza che talvolta ci ha portato, ma incolpevolmente, ad apparire persino ingrati. Dobbiamo riconoscere che, ben al di là delle nostre immaginazioni, meriti e aspettative, la politica tutta e le istituzioni al completo si sono prodigate con celerità ed efficienza non tanto per dare risposte a noi (che rappresentiamo pur sempre interessi di parte), ma per le migliaia di famiglie dei lavoratori da anni senza stipendio e per le comunità locali che subiscono i disagi economici e sociali di una dilagante povertà e di cantieri che non si concludono mai. Tutto questo si chiama ‘solidarietà’ e noi, non avendo come ricambiarla, possiamo solo offrire la nostra preghiera, in fraterna comunione con il Vescovo di Caltanissetta, mons. Mario Russotto, che fino a questa mattina ci ha confermato di essere dalla nostra parte, di continuare ad incoraggiarci e di pregare perché la situazione si risolva al più presto”.

“Esprimiamo quindi – prosegue il Comitato – profonda gratitudine e fiducia a tutte le parti politiche intervenute, ai sindaci, alle autorità ecclesiali, e la ribadiamo a tutti quei livelli che hanno mostrato e continuano a mostrare forte interessamento nei confronti della vertenza creditori Cmc e a mantenere alta l’attenzione”.

Conclude Salvatore Giglio, del Direttivo del Comitato: “Il rinnovo della fiducia a tutte le istituzioni e alle parti politiche vuole essere un forte invito a perseverare nell’interesse di cittadini, lavoratori e imprese, al fine di concretizzare le condizioni della necessaria rinascita sociale ed economica di un territorio da troppo tempo devastato e desertificato da gravissime criticità. Siamo pieni di fiducia e speranza e, pur comprendendo il delicato momento politico, facciamo appello a tutte le forze presenti in Senato affinchè il Salva-imprese sia approvato all’unanimità: sarebbe un meraviglioso segnale di solidarietà, rispetto, responsabilità, speranza e fiducia per migliaia di aziende e lavoratori che in Sicilia vogliono caparbiamente continuare a credere nello Stato”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here