Manifestazione antimafia, aderisce la Camera di commercio

0

La Camera di Commercio di altanissetta scende in piazza. Alla nifestazione del 12 marzo, organizzata dalla federazione sindacale, il presidente, Antonello Montante, la giunta e il consiglio marceranno per il lavoro e per la nuova stagione di investimenti.

“Oggi  Caltanissetta rappresenta  – dice il presidente Montante – un’opportunità per tutto il paese, per la centralità nel Mediterraneo e con base logistica del paese. Investire qui conviene, siamo più competitivi dei paesi low cost. Inoltre è una delle poche realtà dove le istituzioni siedono attorno ad un tavolo con decisioni concordi”.

La manifestazione rilancia la proposta corale di attenzione del Governo regionale e nazionale verso il nostro territorio che deve avviare una nuova stagione di rilancio dell’economia. L’invito è a manifestare tutti insieme per chiedere nuovi strumenti,  per attrarre investimenti,   per rilanciare il territorio dopo quel  percorso di legalità avviato in questi ultimi anni. Il messaggio da lanciare è che Caltanissetta è una realtà  con maggiore possibilità di attrazione investimenti e imprese. Tra le proposte anche  la “zona franca per la legalità”, che è stata discussa intorno al Tavolo di Regia per lo sviluppo e la legalità.

L’obiettivo è quello di continuare ad affermare la “stagione” delle forze sane della nostra realtà che rappresentano il vero cambiamento. La “cultura della legalità “ è diventata patrimonio di tanti, se non della stragrande maggioranza e per l’importanza che assume l’evento assume saranno coinvolte tutte le imprese e i comparti. La manifestazione rappresenta un percorso di alcuni anni, quello stesso che ha portato ad un differente approccio dell’associazionismo organizzato col territorio.

Il presidente della Camera di Commercio, Antonello Montante per la natura dell’evento rivolge l’invito alla partecipazione alla manifestazione del 12 marzo.

“Voglio indirizzarlo –dice il presidente Montante –  alle famiglie, ai ragazzi della scuola, alle imprese, alle associazioni di categoria dell’Agricoltura, dell’Industria, del Commercio, dell’Artigianato e a tutti  coloro che credono sia arrivato il momento di esprimere un grande concetto chiamato “solidarietà”, con un unico fine: lo sviluppo economico e produttivo della nostra realtà”.

La Camera di Commercio torna a rilanciare l’idea della “zona franca per la legalità”. “La nostra area può chiedere l’applicazione della fiscalità di vantaggio per le imprese che intendono investire nel progetto – dice Montante –  a condizione che si verifichi l’impatto occupazionale, la modernità delle tecnologie, la tutela ambientale, oltre che la durata dell’investimento”. Spostare l’asse dello sviluppo del Meridione d’Italia, sulla nostra regione e in particolare sulla nostra provincia, utilizzando gli strumenti a disposizione per lo sviluppo comunitario, può  creare un collegamento con i paesi dell’area del Mediterraneo per una rilevanza economica internazionale del nostro territorio, individuando i punti strategici “protetti“ nella nostra realtà.

Con queste ragioni le istituzioni locali e la Camera di Commercio intendono aderire alla manifestazione promossa dalla Cgil, Cils e Uil che hanno  saputo intraprendere, assieme a Confindustria e alle altre realtà associative, un  percorso che approda alla manifestazione.