Assemblea cittadina per confronto su Tarsu

0

Hanno presentato le proprie conclusioni durante l’assemblea permanente dei cittadini nisseni i due gruppi di lavoro che hanno esaminato sotto molteplici aspetti la questione dell’aumento del 40% della Tarsu che già pesa sulle bollette ricevute da tutti i nisseni.

L’assemblea, promossa da Intesa civica solidale e coordinata da Giovanni Ruvolo e Gaetano Melillo, ha infine deliberato sulla richiesta, che sarà avanzata al sindaco Campisi, della convocazione di una assemblea pubblica per un confronto sul tema del tanto contestato aumento. Incremento della raccolta differenziata, emanazione di ordinanze da parte del sindaco che limitino l’uso di materiali non biodegradabili da parte dei titolari di supermercati per abbattere la quantità di rifiuti solidi urbani prodotti ma anche una adeguata attività legislativa da parte del consiglio comunale, che dovrebbe provvedere a stilare un regolamento che detti alcune linee guida fondamentali nel passaggio dalla Tarsu alla Tia, la legittimità dell’aumento, opinabile se si tiene conto che la Giunta municipale avrebbe saltato un passaggio istituzionale ovvero l’invio in aula per l’esame del consiglio della proposta di aumento anziché l’approvazione diretta in giunta: sono alcuni degli argomenti affrontati nel corso della riunione, che ha visto la partecipazione di numerosi cittadini e di rappresentanti dei comitati di quartiere e di associazioni cittadine, la necessità indifferibile di avviare la raccolta differenziata, unica soluzione alla crescita esponenziale dei costi delle bollette legata al conferimento in discarica. Tra le proposte che saranno avanzate al sindaco anche quella di prendere a modello città siciliane come Siculiana o Sciacca, che hanno attivato percorsi proficui raggiungendo in breve tempo percentuali di raccolta che sfiorano il 70% semplicemente rimuovendo i cassonetti e fornendo ai cittadini informazioni e contenitori per praticare adeguatamente la differenziata.

“Confidiamo – dice Giovanni Ruvolo – nell’apertura al dialogo da parte dell’amministrazione comunale perché nell’occasione dell’assemblea pubblica sarà ufficializzata la disponibilità dei cittadini a collaborare soprattutto perché i fondi vengano impiegati immediatamente per far partire subito l’organizzazione e l’attivazione della raccolta differenziata. Con questo spirito parteciperemo sabato anche all’incontro promosso dal Movimento 5 stelle, che illustrerà un esempio virtuoso di smaltimento dei rifiuti e di raccolta differenziata praticata da una ditta privata”. “Dobbiamo educare la politica – ribadisce Ruvolo – al dialogo vero con i cittadini e mi auguro che l’amministrazione possa capire che la città sta cambiando e bisogna adattarsi a questa nuova coscienza e identità collettiva”. (rlv)