Salute

Rassegna stampa. Al campionato italiano di padbol, i nisseni Niccoli e Ribellino fuori ai quarti

Carmelo Locurto - La Sicilia

Rassegna stampa. Al campionato italiano di padbol, i nisseni Niccoli e Ribellino fuori ai quarti

Gio, 22/07/2021 - 09:09

Condividi su:

S’è conclusa ai quarti di finale l’avventura della Padbol Caltanissetta 93100 nella prima edizione del campionato italiano. A Cagliari la coppia nissena formata da Matteo Niccoli e Massimo Ribellino ha comunque disputato prestazioni eccellenti ed ha messo in mostra tecnica e tanto carattere. Alla fine il titolo italiano è andato ai padroni di casa della Padbol Ferrini Cagliari che si sono imposti con la coppia formata da Fabio Argiolas e Alessandro Bonu sulla Stella Azzurra Roma.

Al di là del risultato finale, la partecipazione della Padbol Caltanissetta 93100 al primo campionato italiano è stata la dimostrazione di quanto questo sport, che fonde le regole del padel alla tecnica del calcio, si stia diffondendo con successo in provincia di Caltanissetta registrando un crescente consenso in termini di partecipazione, e anche tanta qualità a livello tecnico.

Il presidente del Padbol 93100 Donato Parla, commentando la partecipazione della coppia Niccoli-Ribellino al campionato italiano, ha sottolineato: «Siamo contenti di quanto i nostri rappresentanti sono riusciti a fare in Sardegna in questa storica prima edizione dei campionati italiani di padbol, perché hanno saputo onorare al meglio l’intero movimento siciliano che hanno bellamente rappresentato».

C’è da dire che il Padbol 93100 è finito in un autentico girone di ferro, dal momento che ha dovuto affrontare sia il Padbol Ferrini Cagliari, che ha poi vinto il campionato, che il Padbol Trasimeno che s’è classificato al terzo posto. Soddisfatta la coppia formata da Matteo Niccoli e Massimo Ribellino: «Questa in Sardegna è stata un’esperienza bellissima che ci ha arricchito parecchio in termini tecnici ed agonistici; essere stati i primi siciliani a rappresentare la nostra Isola ai campionati italiani di padbol è stato per noi un grande onore».

Necrologi di Caltanissetta