L’esplosione della fabbrica di fuochi d’artificio: una famiglia flagellata da incidenti

0

Una famiglia flagellata da incidenti e lutti legati al mestiere di produttore di articoli pirotecnici quella di Vito Costa la cui fabbrica di fuochi d’artificio e’ saltata in aria ieri provocando la morte della moglie, di 4 operai di una ditta esterna che stavano effettuando lavori per la messa in sicurezza, e il ferimento del figlio Bartolomeo Nino che e’ in gravi condizioni in ospedale a Palermo. La fabbrica “Pirotecnica Vito Costa e figli” era nata agli inizi del ‘900. Fino a 20 anni fa l’azienda era intestata al fratello di Vito, Nicola, che la gestiva con la famiglia. La notte tra il 17 e il 18 agosto 1998 i sei edifici che costituivano la fabbrica, al centro di un appezzamento di terreno di circa 2 ettari, vennero distrutti da un’ esplosione. Fortunatamente nell’azienda non c’era nessuno. Il boato, cosi’ come ieri, venne avvertito nei comuni vicini e i frammenti dei muri perimetrali furono scagliati a centinaia di metri di distanza. Alcuni giorni dopo un furgone della ditta carico di materiale pirico esplose nel comune di San Pier Niceto (Me): mori’ un operaio e rimase ferito il figlio di Nicola Costa, Antonino, che pero’ non sopravvisse morendo alcuni giorni dopo in ospedale. Anche la moglie di quest’ultimo rimase ustionata a un braccio. Dopo questi incidenti l’azienda venne ricostruita e la gestione passo’ al fratello di Nicola, Vito, anche per problemi di autorizzazioni. Ieri la nuova esplosione e la tragedia che ha sconvolto la comunita’ di Barcellona Pozzo di Gotto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here