Blitz antidroga a San Cataldo, i nomi degli indagati dell’operazione “Lulù”

0

I carabinieri di Caltanissetta, con quelli di Cantu’ (Co), di Canicatti’ e di un’unita’ antidroga del Nucleo Cinofili di Palermo, hanno eseguito 11 ordinanze (custodia cautelare in carcere, arresti domiciliari obbligo di dimora nel Comune di residenza), disposti nei confronti di 11 indagati accusati a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti e concorso in associazione per delinquere finalizzata allo spaccio.

In carcere sono finiti Michele Cordaro, San Cataldo, 28 anni, Salvatore Ferrara 52 anni, Elia Guttadauria, 27 anni, di San Cataldo, Giovanni Riggi 23 anni, di San Cataldo, Diego Milazzo, di Canicatti, 35 anni. Ai domiciliari Giuseppe Torregrossa, 30 anni, Alexandru Andrei, rumeno di 25 anni e Carloo Ristagno, 37 anni, di San Cataldo. Obbligo di dimora per Filippo Vullo, 43 anni, di San Cataldo, Adil Benambar, 22 anni, sancataldese e Giuseppe Carletta, 22 anni, sancataldese.

L’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip nisseno, e’ frutto di un’indagine condotta dai carabinieri su una banda di pusher a San Cataldo. A capo dell’associazione ci sarebbe stato Michele Cordaro che ha collegamenti con la mafia. Le indagini, iniziate nel 2016 e durate circa un anno, sono state sviluppate attraverso una serie di attivita’ tecniche, che hanno permesso di monitorare, anche attraverso l’uso di microcamere posizionate “ad hoc” dagli investigatori, numerosi episodi di spaccio. Nel corso dell’esecuzione dell’ordinanza sono sttai sequestrati 260 grammi di hashish.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here