Stato-mafia: boss pentito, “Calogero Mannino era uomo d’onore del suo paese”

0

Calogero Mannino era “affiliato, uomo d’onore”: lo sostiene, nel verbale depositato nel processo-stralcio sulla trattativa Stato-mafia, il boss pentito di Belmonte Mezzagno (Palermo) Filippo Salvatore Bisconti, che indica l’ex ministro imputato di minaccia a corpo politico dello Stato come legato alla cosca del suo paese in provincia di Agrigento (“Quello dove e’ nato e dove e’ cresciuto”), senza tuttavia ricordarsi che si tratta di Sciacca. E senza sapere che in realta’ Mannino e’ nato all’Asmara, anche se poi e’ vissuto a lungo nella citta’ termale in provincia di Agrigento. Nelle sue dichiarazioni, rese in due riprese, il 14 e il 21 marzo scorsi, Bisconti cita come propria fonte il mafioso di Corleone Rosario Lo Bue e poi anche Carmelo Gariffo, nipote di Bernardo Provenzano, che gli avrebbe fatto un discorso simile. I due verbali sono stati trasmessi dalla Dda ai pg Sergio Barbiera e Giuseppe Fici, per il processo d’appello contro Mannino: il 14 marzo il pentito di Belmonte Mezzagno aveva parlato di mafia e politica con i pm Francesco Gualtieri e Giovanni Antoci, il 21 sono andati a sentirlo il procuratore Francesco Lo Voi, l’aggiunto Salvatore De Luca e il sostituto Bruno Brucoli. “Nel 2004-2005, certamente prima del 4 settembre 2006, quando sono stato scarcerato, commentavamo una notizia su Mannino (probabilmente la condanna in appello dell’11 maggio 2004, ndr) e durante una passeggiata Lo Bue mi disse: ‘Ma di che si lamenta Calogero Mannino?. Addirittura sarebbe stato uomo d’onore e dunque farebbe bene a parlare di meno’, diceva Lo Bue, ‘che si lamenta, se fa parte della famiglia mafiosa del suo paese?'”. (Fonte Agi)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here