Mussomeli, altra donazione del Rotary Club Mussomeli

0

IMG_1888MUSSOMELI -Il Rotary Club di Mussomeli Valle del Platani, per il tramite del suo presidente Giuseppe Corbetto, chiude  l’anno sociale,  portando a termine un’altra donazione; questa volta  beneficiario è Casa Famiglia Rosetta di Mussomeli, che riceve parte di laboratorio per ceramica che consente di  ampliare e migliorare quello esistente con cui si erano già ottenuti buoni risultati. Il progetto musica-terapia, realizzata IMG_1894l’anno scorso ad opera del past-president  Calogero Ferlisi,  ha ottenuto ottimi risultati dal punto di vista terapeutico, come detto, nell’incontro di mercoledì pomeriggio,  dall’attuale presidente Corbetto nel corso del suo discorso di saluto e confermato dal responsabile della struttura Vincenzo Sorce . Con il progetto  ARTE-TERAPIA,  il Rotary  si pone come obiettivo l’interazione dei ragazzi ospiti della struttura con la realtà umana e culturale dando la possibilità di Sviluppare abilità operative, aumentare la capacità di ideare e realizzare interpretazioni personali e, soprattutto, potenziare la consapevolezza di sé.Progetto ambizioso dunque, ribadito nel corso dell’incontro,  che è stato realizzato grazie ai fondi messi a disposizione del Governatore del Rotary Sicilia-Malta  Francesco Milazzo e la partecipazione di alcuni club dell’area Nissena:  Gela presidente Gualtiero Cataldo, San Cataldo Presidente  Giovanna Saggio,  e Valle del Salso presidente Cataldo Bancheri,  rappresentato nella cerimonia, da Angela Carrubba presidente incoming. Era presente anche l’assistente del governatore  Maria Grazia Falzone,  alcuni componenti il direttivo dell’anno 2015-2016 e il presidente incoming Sonja Barba. Il presidente Corbetto, ringraziando tutti quelli che hanno partecipato all’iniziativa, ha concluso il suo discorso, raccomandando questi ragazzi alla Madonna dei Miracoli.  Il gruppo, po,  è stato invitato da don Sebastiano Lo Conte, presente all’incontro,  a visitare l’attigua chiesa di Santa Maria e la cappella, da poco restaurata,  dove il Rotary ha lasciato il suo segno, donando parte dell’illuminazione.