Caltanissetta, la rivoluzione del sindaco: “Tutti gli assessori al Municipio”

5

ruvolo-redazione1CALTANISSETTA – Una vera rivoluzione con un calcio alle vecchie abitudini: gli assessori del sindaco Giovanni Ruvolo trasferiranno i propri uffici, armi e bagagli, nella sede unica del Municipio. Tutti a Palazzo del Carmine dunque, al primo piano, dove ha sede l’ufficio di gabinetto e la stanza di rappresentanza del primo cittadino. Tutti uniti e vicini per dare forza ad un progetto di rinnovamento e di concertazione che parte proprio con il trasferimento degli uffici degli assessorati al Comune. Dovranno sloggiare quindi dirigenti e funzionari che da anni occupano le stanze del primo piano del Comune: quelli del segretario generale, del dirigente del settore risorse umane. Il trasferimento a breve, il tempo necessario per riorganizzare anche fisicamente la complessa macchina comunale. (GdS.it)

5 Commenti

  1. Da dipendente comunale dico che il concetto di Angelo e’ lo specchio della realtà. Diciamolo una volta x tutte che ha Caltanissetta la macchina comune non funziona non per colpa dei dipendenti lagnusi da 1000 euro al mese ma x l inefficienza e l inefficacia dei dirigenti da 5000 euro al mese. Tutti , non salvo nessuno. Se i miei colleghi volessero confermare o smentire quello che dico ne sarei felice. M.C.

  2. e quindi gli impiegati delle sedi distaccate dovrebbero prendere le proprie auto per far firmare un documento all’assessore, dato che le auto comunali non sono mai disponibili se non per pochi. CAro sindaco, se l’assessore non vive i problemi dell’ufficio, non sarà mai un assessore vero. Non commettete gli stessi errori degli altri, siate un tutt’uno con gli uffici, non siate “distaccati”, ascoltate gli impiegati, sono loro il motore dell’ente, non i dirigenti. Un consiglio, fatevi un giro per gli uffici, dedicate un ora al personale, chiedete loro cosa servirebbe x migliorare i servizi, vedrete che la macchina burocratica è spesso lenta non per colpa loro ma per colpa di chi non li mette in grado di lavorare bene.

Comments are closed.