Salute

Caltanissetta, riapre in sicurezza la Casa di Gerico: vaccinazione anti Covid agli utenti della mensa

Marcella Sardo

Caltanissetta, riapre in sicurezza la Casa di Gerico: vaccinazione anti Covid agli utenti della mensa

Mer, 15/09/2021 - 09:25

Condividi su:

Prendersi cura degli ultimi, di chi a casa non ha nemmeno un pasto nutriente ad attenderlo, di chi – anche a causa della pandemia – si trova sempre più solo o isolato.

È questa una delle missioni che hanno scelto di assumersi il gruppo delle vincenziane di Caltanissetta quando si sono impegnate con la responsabilità di tenere aperta la mensa della Casa di Gerico adibita nei locali della parrocchia San Pio X in via Colajanni.

Dopo la chiusura del mese estivo, prassi ormai abituale a causa della difficoltà di garantire un servizio quotidiano con un’adeguata turnazione dei volontari aderenti all’iniziativa, e la ristrutturazione dei locali che era già in programma, il gruppo ha dovuto fare i conti con le nuove normative statali relative al contenimento della pandemia da Covid 19.

Con la Sicilia in “zona gialla”, infatti, si impongono regole a tutte le strutture che offrono ristorazione, compresa la mensa gratuita per gli indigenti.

Tra queste il dovere di apparecchiare per un massimo di 4 commensali (se non conviventi) e un distanziamento adeguato tra i tavoli è stata la direttiva più semplice da rispettare. L’ampio spazio al di sotto della chiesa di San Pio X, adesso guidata dal parroco Padre Diego Trupia, consente di poter espandere l’area adibita a mensa.

Più complesso, invece, è stato l’obbligo di far entrare soltanto persone in possesso di green pass o di tampone negativo.

“Ci siamo trovati di fronte persone poco informate sui benefici della vaccinazione anti Covid oppure confuse sugli effetti collaterali che avrebbero potuto subire – ha spiegato Mirella Campione Pilato una delle responsabili della Casa di Gerico -. Per non abbandonare i nostri ospiti ma consentire loro di poter continuare a usufruire del servizio, abbiamo coinvolto l’Asp di Caltanissetta e il Comando dei Vigili Urbani per organizzare un incontro tra ospiti e istituzioni. Il nostro intento è quello di non lasciare nessuno fuori la porta ma continuare ad accogliere a braccia aperte chi viene a bussare e chiedere aiuto”.

Il responsabile del servizio di vaccinazione anti coronavirus all’ospedale “Sant’Elia”, Benedetto Trobia, ha autorizzato la dottoressa Federica Raimondi per l’allestimento di un punto vaccinale temporaneo direttamente nei locali della parrocchia. I medici hanno potuto così chiarire tutti i dubbi degli utenti della mensa e poter effettuare la dose di vaccino necessaria per mettere in sicurezza loro stessi e chi li circonda. Per garantire l’ordine e il corretto svolgimento della giornata erano presenti anche due vigili urbani. Una prima “ondata” alla quale seguirà quella legata alla seconda dose ma, nel caso in cui ci saranno nuove richieste, l’ASP di Caltanissetta ha assicurato di poter organizzare ulteriori incontri nei quali vaccinare altre persone.

“Siamo soddisfatti di aver potuto aiutare i nostri utenti anche con questo servizio facendo vincere le reticenze che ancora avevano – ha proseguito la responsabile -. Per noi la mensa non rappresenta soltanto <<un pasto caldo da consegnare>> perché altrimenti per i non vaccinati avremmo proseguito con il servizio da asporto o il banco alimentare. La Casa di Gerico è molto più di questo. È un luogo di ritrovo, di incontro, di confronto, di dialogo. Uno spazio neutro nel quale creare delle relazioni e vivere la quotidianità, un luogo nel quale ritrovarsi, condividere esperienze, problemi. La regola vincenziana è quella di protendere e supportare il fratello in difficoltà e, con questo luogo, noi cerchiamo di non emarginare nessuno ma restituire dignità alla persona e, grazie alla vaccinazione, potremo continuare a farlo”.

Necrologi di Caltanissetta