Salute

Caltanissetta, ABIO torna in piazza sabato 25 settembre: un cestino di pere per sostenere i piccoli degenti

Marcella Sardo

Caltanissetta, ABIO torna in piazza sabato 25 settembre: un cestino di pere per sostenere i piccoli degenti

Mar, 14/09/2021 - 15:55

Condividi su:

Sabato 25 settembre dalle 8 alle 20 i volontari ABIO, l’associazione che supporta il Bambino in ospedale torneranno in piazza per raccontare la loro esperienza e richiedere un sostegno per il loro impegno di volontariato consegnando un cestino di pere a tutti coloro i quali vorranno supportarli con un’offerta libera a partire dai 7 euro.

A Caltanissetta, in Corso Vittorio Emanuele all’incrocio con via XX Settembre, si alterneranno nell’arco della giornata Enza Villardita, Teresa Giallongo, Lucia Dolce, Vanessa Polizzi, Irene Bonanno, Catena Savoia, Cristina Bontempo, Cristina Giuffrida, Francesca Falzone, Francesca Montalto, Giulia Dimauro, Maria Cumbo, Patrizia Savoia e Rosalba Rizzo.

14 donne che, in questi anni, hanno iniziato e portato avanti un percorso formativo orientato a interagire con i bambini che si trovano ricoverati in ospedale e riuscire a disegnare – anche solo per poco tempo – un sorriso nei loro volti.

ABIO Italia è nata circa 40 anni fa ma la sezione territoriale nissena, nata nel 2014, è ancora giovane e bisognosa del supporto dei suoi concittadini.

“In questi ultimi mesi la nostra associazione si è dovuta rimettere in discussione rimodulando completamente il proprio approccio con i piccoli degenti. La pandemia e la necessaria chiusura dei reparti in tutta l’Italia ha spinto a cercare un’altra forma di contatto e interazione e accoglienza a Distanza – hanno spiegato le volontarie nissene -. Dopo esserci consultate con gli altri volontari di ABIO Italia abbiamo aperto un profilo su Facebook per raggiungere i bambini ad esempio mostrando loro tutorial per creare biglietti d’auguri per la festa della mamma e raccontando storie in dialetto.

Con il supporto nazionale e le donazioni del Disney Store e Lego abbiamo ricevuto giocattoli e materiale che abbiamo consegnato al reparto. L’obiettivo, che possiamo dire di aver raggiunto, era quello di restare saldi, organizzati e utili. Per noi è importante far sentire la nostra presenza e aiutare i genitori a distrarre i bambini e adolescenti per portare loro un po’ di serenità e spensieratezza”.

Prima del Covid le volontarie si alternavano nel reparto del Sant’Elia per incontrare i bambini e giocare con loro. Realizzavano cartelloni che appendevano alle pareti nell’area gioco e consegnavano loro materiale ludico da poter utilizzare quando non erano presenti. Adesso l’augurio è quello di poter tornare a incontrare realmente i bambini pur mantenendo tutte le misure di sicurezza e protezione necessarie per tutelare i piccoli degenti.

“Non è facile continuare a mantenere il sorriso quando ti trovi di fronte situazioni difficili o malattie gravi – hanno continuato le volontarie ABIO Caltanissetta -. Dietro un sorriso dei piccoli trovi il volto teso e preoccupato del genitore che non sa cosa attendersi. Il nostro dovere morale – oltre che una direttiva associativa – è quello di andare oltre la malattia e concentrarsi sul gioco, umanizzare il reparto pensando prima di tutto alla persona, anche solo facendo un po’ di compagnia, certi che quello fisico è custodito nelle ottime mani dei medici. Per garantire questo standard di qualità e restare all’avanguardia dobbiamo seguire periodicamente corsi di formazione che ci aiutino a essere sempre più professionali, qualificati ed empatici senza però lasciarci travolgere dalle emozioni. Anche a questo serviranno le donazioni che riceveremo dai cittadini”.

Nel 2020, a causa delle restrizioni dovute al Covid 19, la giornata di solidarietà si è svolta interamente online anche se non ha riscosso lo stesso successo che aveva ottenuto negli anni precedenti con il banchetto. A mancare è stato soprattutto il contatto con la gente e il racconto delle esperienze vissute. Quest’anno ABIO ha scelto di tornare con un evento misto tra presenza fisica e incontro virtuale, un mix tra passato, presente e futuro, un evento che in tutta Italia che permetterà a chiunque di conoscere l’associazione e scoprire i suoi progetti.

ABIO Caltanissetta invita tutti coloro i quali vorranno contribuire a questa realtà, anche come semplici benefattori, a non attendere l’acquisto del cestino sabato 25 settembre ma di contattare l’associazione chiamando Enza Villardita al numero 389 3437294, prenotare le pere e, magari, sensibilizzare amici e conoscenti raccontando l’iniziativa.

Per chi non potrà essere fisicamente in piazza, sarà possibile conoscere e sostenere ABIO sul sito www.giornatanazionaleabio.org scrivere ad abiocaltanissetta@gmail.com o visitare la pagina www.facebook.com/abiodicaltanissetta

Nulla va perso e tutto resta utile. Anche una piccola goccia di altruismo, se unita alle altre, può contribuire a creare un mare di solidarietà.

Nelle foto in basso: la manifestazione del 2019

Articoli correlati

Necrologi di Caltanissetta