Salute

Caltanissetta. Fns Cisl. Per Vigili del Fuoco necessarie risorse, personale e mezzi per contrastare incendi estivi.

Redazione 1

Caltanissetta. Fns Cisl. Per Vigili del Fuoco necessarie risorse, personale e mezzi per contrastare incendi estivi.

Lun, 28/06/2021 - 08:20

Condividi su:

CALTANISSETTA. Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa della nota dei coordinatori territoriali della Fns Cisl interprovinciale dei Vigili del Fuoco di Agrigento Caltanissetta ed Enna, Diego Motisi, Rosario Raitano e Francesco Sinatra che hanno inviato una lettera alle prefetture e ai sindaci dei Comuni di Agrigento, Enna e Caltanissetta sulla situazione di criticità nella quale, a loro dire, verserebbero i Vigili del Fuoco per carenza di fondi e personale.

“Le condizioni metereologiche degli ultimi giorni, l’eccezionale ondata di caldo torrido, i venti di scirocco dall’Africa, hanno aperto purtroppo la stagione degli incendi estivi e, da subito, i Vigili del Fuoco sono in grande difficoltà per soddisfare e far fronte alle numerose richieste di intervento a causa delle carenze di personale nei Comandi, senza fondi per programmare squadre aggiuntive, ne fondi per richiami di personale in straordinario e VVD, per non parlare della mancata attivazione della convenzione AIB con la Regione Siciliana che quest’anno manca all’appello.

La stagione è iniziata e già si contano le prime vittime: ad Agrigento un decesso ed un altro in provincia di Enna, tutti e due mentre si prodigavano per lo spegnimento di incendi che interessavano i loro fondi, numerosi autoveicoli a causa delle sterpaglie e ingenti danni ambientali ovunque e siamo solo all’inizio!! Oltre al danno pure la beffa: a fronte di un Accordo di collaborazione per l’anno 2021 tra il Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione ed il Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile per l’attivazione di un presidio antincendio temporaneo presso il C.P.R. di Pian del Lago (Centro di Accoglienza) di Caltanissetta, lo stesso ad oggi non è stato ancora attivato (non per colpa riconducibile ai VV.F.) difatti nella notte tra Sabato e Domenica, a seguito di tafferugli gli ospiti hanno appiccato un incendio all’interno del C.P.R. che ha tenuto impegnate due squadre ordinarie VF e un’Autoscala per oltre quattro ore.

Insomma, se Lampedusa è la “porta” d’Europa per quanto riguarda l’accoglienza dei migranti, le nostre provincie sono delle vere e proprie “stanze” con molti centri d’accoglienza, dove non mancano ogni giorno problematiche che spesso richiedono il nostro intervento ma nessuno ne prende atto e si attiva, forse si attende un evento grave??

Un quadro pesante che purtroppo avevamo rappresentato al Dipartimento Centrale VF alla direzione Vf e alle Istituzioni tutte con largo anticipo. Eppure proprio al Dipartimento Centrale non risulta una carenza di personale turnista anzi, dai conteggi risulta addirittura un esubero di personale. Ma basterebbe fare un rapido conteggio delle piante organiche reali nei Comandi di Agrigento Caltanissetta ed Enna (ma anche nel resto della Sicilia) per far emergere la sofferenza d’organico da tempo lamentata dalla FNS CISL e che PROPRIO ORA (e l’avevamo detto) mette in crisi il sistema del soccorso alla popolazione.

Com’è noto la Protezione Civile diffonde anticipatamente i bollettini meteo e il rischio di incendi, che vengono diffusi anche a mezzo stampa, ma non c’è una programmazione di squadre aggiuntive, di richiami di personale in straordinario, di personale discontinuo, non riusciamo a credere che non sono state predisposte risorse economiche per finanziare i piani emergenziali per contrastare il rischio incendi, non è più tempo di improvvisare, ma anche e soprattutto, bisogna garantire la sicurezza e la salute degli operatori del soccorso. (le squadre VF sono composte da 5 unità e non da 4 come spesso avviene … ricordiamo che meno uomini in squadra equivale a meno sicurezza).

Gli incendi si contrastano e si vincono sul campo, con gli uomini, con le risorse economiche, con i mezzi e le giuste attrezzature e, non ultima, la prevenzione. Nei nostri territori la campagna estiva è ordinarietà e i vigili del fuoco non chiedono nient’altro che l’ordinario; è tempo che le istituzioni regionali , locali, le prefetture e il dipartimento centrale Vf, la Direzione regionale Vf facciano squadra e intervengano per sanare le carenze di personale turnista, e dare la possibilità ai Vigili del Fuoco di poter operare in sicurezza il soccorso alla popolazione”.

I Coordinatori territoriali della Fns Cisl interprovinciale dei Vigili del Fuoco di Agrigento, Caltanissetta ed Enna Diego Motisi, Rosario Raitano e Francesco Sinatra.