Salute

Covid, DPCM impone solitudine per le feste. Mulè (FI):”Crudeltà affettiva”

Redazione 2

Covid, DPCM impone solitudine per le feste. Mulè (FI):”Crudeltà affettiva”

Ven, 04/12/2020 - 11:29

Condividi su:

Covid, DPCM impone solitudine per le feste. Mulè (FI):”Crudeltà affettiva”

“Il governo poteva essere più consapevole, sensibile e magari riflettere un po’ di più: nessuno nega il dramma sanitario che sta vivendo il Paese e piangiamo il numero dei morti, ma serve anche il buon senso.

Non si può negare il Natale soltanto a una parte degli italiani: le misure previste nel Dpcm fanno trasparire un totale distacco dalla realtà da parte di questo esecutivo.

L’Italia non è soltanto Roma, Milano o Napoli.

Ci sono 8.000 comuni, molti dei quali limitrofi e a distanza di pochi chilometri l’uno dall’altro, come la distanza che intercorre tra un quartiere di Roma e l’altro, a cui verranno impediti gli spostamenti.

Questo non ha logica, perché si impedirà a molte persone di ricevere una carezza per Natale solo perché residenti in zone provinciali e non in grandi città. La trovo una crudeltà: invito il governo a rivedere misure che mortificano i legami familiari e generano una differenza “razzista” degli affetti”.

Lo ha detto Giorgio Mulè, deputato di Forza Italia e portavoce dei gruppi azzurri di Camera e Senato, a “Coffee break”, su la7.