Salute

Rotary Caltanissetta ed E Club Colonne d’Ercole: convegno sulla Polio ai tempi del Covid 19

Marcella Sardo

Rotary Caltanissetta ed E Club Colonne d’Ercole: convegno sulla Polio ai tempi del Covid 19

Mer, 28/10/2020 - 11:11

Condividi su:

Rotary Caltanissetta ed E Club Colonne d’Ercole: convegno sulla Polio ai tempi del Covid 19

Per celebrare insieme e proficuamente la giornata mondiale della Polio gli soci dei Rotary Club Caltanissetta ed E Club Colonne d’Ercole hanno organizzato un incontro virtuale.

I due Presidenti, Marcella Milia (nella foto di copertina) e Stefano Sanzo, che avevano concordato il significativo meeting, hanno introdotto i lavori, sottolineando l’importanza del tema e l’opportunità di focalizzare l’attenzione sullo stesso proprio il 24 ottobre, in contemporanea con i rotariani di tutto il globo. L

’iniziativa è stata programmata non solo per fare il punto sulla situazione in ordine alle attività svolte dal Rotary, ma anche per approfondire la conoscenza della tematica ed estenderla a quella attuale, onde assumere azioni efficaci.

E’ quindi intervenuto Mario Bilardo, Presidente dell’Ordine dei Farmacisti di Palermo, sottolineando la capillarità del servizio degli iscritti, su tutte le realtà territoriali, a tutela della salute; gli ha fatto eco l’altro farmacista, dr Valerio Cimino, Past Governor.

La campagna “END POLIO NOW” è stata illustrata, nella sua veste di Presidente della Commissione Distrettuale Rotary Foundation, da Giovanni Vaccaro, che ha sintetizzato, commentando alcune slide, i ragguardevoli risultati finora conseguiti e quelli da raggiungere, anche in relazione alla futura vaccinazione anti COVID 19.

La relazione principale è stata svolta, dal Claudio Costantino, Docente di Igiene del Dipartimento della Salute Materno – Infantile “G. D’Alessandro” dell’Università di Palermo, il quale, sotto l’aspetto medico scientifico, con l’ausilio di immagini e con eloquenti parole, ha ben illustrato le caratteristiche del morbo e le enormi difficoltà delle campagne di immunizzazione, specie nelle aree funestate dalle guerre. In Pakistan e Afghanistan son presenti ancora dei casi, anche se minimi.

Anche nei paesi occidentali però – dove risulterebbe ormai debellata la poliomelite – secondo l’accademico non va abbassata la guardia, ma va proseguita l’opera di sensibilizzazione, per una maggiore consapevolezza della natura subdola del male e dei rischi igienico-sanitari, in caso di nuovi focolai.

La sfida, ha proseguito il Professore, è sempre più rilevante; la pratica del vaccino rappresenta la barriera protettiva contro pericolose malattie ed ora contro il COVID 19; per cui al più presto occorre intensificare le ricerche e giungere alla scoperta di un rimedio sicuro, prima per i soggetti a rischio, poi per l’intera popolazione mondiale.

Da qui la necessità di raccogliere fondi e di favorire l’opera di chi è impegnato in questo delicato compito. I numerosi collegati hanno apprezzato e commentato gli apporti di tutti gli intervenuti, rimanendo più consapevoli e pronti ad agire.

Nelle foto: la locandina promozionale della Campagna promossa dai due Club Service e un momento della video conferenza