Salute

Coronavirus prestazioni a domicilio: parrucchieri di Mussomeli chiedono inasprimento dei controlli e sanzioni

Carmelo Barba

Coronavirus prestazioni a domicilio: parrucchieri di Mussomeli chiedono inasprimento dei controlli e sanzioni

Mer, 25/03/2020 - 09:00

Condividi su:

Coronavirus prestazioni a domicilio: parrucchieri di Mussomeli chiedono inasprimento dei controlli e  sanzioni

MUSSOMELI – Alzano la voce e i parrucchieri di Mussomeli così scrivono sul social: “Non solo runners che sentono il bisogno di correre all’aria aperta nonostante i consigli a restare in casa per frenare la diffusione del Coronavirus. Ora nel mirino delle polemiche finiscono quei parrucchieri o parrucchiere che offrono i propri servizi a domicilio perché c’è qualche cliente che sente il bisogno di avere i capelli in ordine. Alla faccia della pandemia, come è stata dichiarata dall’Organizzazione mondiale della sanità. Certo, non ci sono solo ‘mele marce’, anzi. Sono gli onesti, chi da due settimane ha abbassato le saracinesche dei negozi per rispettare le regole imposte dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, a lanciare un appello contro i colleghi ‘scorretti’. Sono infatti, i professionisti parrucchieri di Mussomeli che hanno voluto accendere i riflettori su quei comportamenti potenzialmente pericolosi. Non è solo una questione di scorrettezza da parte di chi continua a lavorare nell’ombra (si tratta, infatti, di concorrenza sleale), ma di sicurezza. «Denunciamo pubblicamente – dichiarano – l’azione rischiosa di chi in questo periodo effettua tagli di capelli e altri servizi simili a domicilio.

Un fenomeno pericoloso che purtroppo registriamo a MUSSOMELI e nel resto d’Italia! Il decreto parla chiaro: in questi giorni drammatici la nostra attività non può essere svolta! Ciascuno di noi sa bene il danno economico che sta subendo, ma la salute viene prima di tutto». Dovrebbero essere tutti sulla stessa barca, ma c’è chi pensa a remare per conto suo. «Qualcuno è “sordo” – denunciano i parrucchieri di Mussomeli – e noncurante delle leggi compie una doppia illegalità, sia perché lavora in nero sia perché svolge un servizio che in questo momento è vietato! Tutto ciò non solo causa danni economici ai professionisti onesti che pagano le tasse e sono costretti a rimanere a casa (credeteci, in questo momento è il problema meno importante), ma soprattutto provoca danni sanitari che ricadono sull’intera comunità. Tali “soggetti” – rimarca con forza il nutrito gruppo mussomelese – rischiano di essere vettori di coronavirus, contagiando o venendo contagiati a loro volta! Con questi comportamenti irresponsabili l’Italia non ne verrà a capo!». Per questo i parrucchieri di MUSSOMELI hanno deciso di chiedere, con forza, alle autorità di inasprire controlli e sanzioni”.