Rassegna Stampa. Evasione di Imu, Tari e Tasi a Caltanissetta, l’iniziativa del Comune: no a licenze e autorizzazioni per chi è moroso

0

CALTANISSETTA – Chi non è in regola con il pagamento delle tasse e imposte comunali non potrà più ottenere il rilascio o il rinnovo di licenze, autorizzazioni e concessioni per lo svolgimento di attività commerciali o produttive: è quello che farà d’ora in poi il Comune per scoraggiare e comunque contrastare specificatamente l’evasione del pagamento dell’Imu, dellaTari e della Tasi. Si tratta della prima delle iniziative avviate dal Comune di Caltanissetta per combattere l’evasione di Imu, Tari e Tasi che in città è di proporzioni piuttosto elevate e impedisce l’afflusso nella casse comunali di somme considerevoli da utilizzare per la realizzazione di interventi e servizi per la cittadinanza. Si comincerà con il rilascio o il rinnovo delle licenze, autorizzazioni e concessioni per l’esercizio di attività
commerciali, ma presto seguiranno per altri settori iniziative similari che prima non c’erano, mentre ora sono previste da recenti disposizioni di legge.
«L’obiettivo che la direzione dei servizi finanziari, e dell’ufficio tributi in particolare, si propone – ha detto il dirigente del settore Claudio Bennardo – è l’incremento della lot-
ta all’evasione finalizzato ad un aumento delle risorse e mirato a passare gradualmente da un intervento di natura straordinaria ad un processo di gestione ordinaria, profon-
damente rinnovato, che consenta di anticipare l’evasione invece che inseguirla». E ha spiegato in che modo avverrà: «Per ottenere questo risultato tra le misure di contrasto all’evasione appare particolarmente efficace sfruttare quanto previsto dall’articolo 15 ter del decreto legislativo 34/2019, convertito in legge 58/2019, che ha la finalità di inibire
il rilascio o il rinnovo di licenze, autorizzazioni e concessioni ai soggetti che esercitano attività commerciali o produttive che si trovano in posizione di irregolarità tributaria,
ed è questo che sarà subito fatto». Così facendo il Comune intende bloccare l’evasione fiscale prima che possa nascere e anche successivamente al momento del rinnovo di
licenze, autorizzazioni o concessioni. Per meglio comprendere quant’è e qual è l’evasione di Imu, Tari e Tari è sufficiente ricordare che il Comune ha già disposto la notifica di
63.000 avvisi di pagamento dei tre tributi (da qui a fine anno) a chi non ha pagato nulla o ha pagato parzialmente per gli anni 2012 e 2013. Gli avvisi di pagamento sono per l’ammontare complessivo di poco più di 10 milioni di euro; dovranno essere notificati prima della fine dell’anno per evitare che scatti la prescrizione.

Luigi Scivoli – La Sicilia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here