Ciclismo in lutto: muore Felice Gimondi per un malore nel mare di Giardini Naxos

0

L’ex ciclista italiano Felice Gimondi e’ morto per un malore mentre faceva il bagno nelle acque di Giardini Naxos, Lo riportano i quotidiani locali. Il campione avrebbe compiuto 77 anni il prossimo 26 settembre. Secondo la Gazzetta del Sud Gimondi avrebbe accusato un malore mentre faceva un bagno nelle acque della seconda stazione turistica siciliana. Il malore avrebbe reso poi vano qualsiasi tentativo di soccorrerlo da parte dei bagnini e del 118. Sul posto e’ intervenuta la Guardia Costiera di Giardini che ha avviato gli accertamento del caso su quanto accaduto.

Nato a Sedrina il 29 settembre 1942 aveva 76 anni. Ciclista di fama mondiale, è stato professionista dal 1965 al 1979, un campione di grande valore, completo, capace di vincere in salita, a cronometro e anche in volata. È uno dei sette corridori ad aver vinto tutti e tre i grandi Giri: il Giro d’Italia (per tre volte, nel 1967, 1969 e 1976), il Tour de France (nel 1965) e la Vuelta a España (nel 1968). Ha vinto anche un Campionato del Mondo nel 1973.

In carriera il bergamasco ha ottenuto 143 vittorie come professionista, cui ne va aggiunta una trentina fra allievo e dilettante. Primo successo la Bergamo-Celana per allievi il 1° Maggio 1960; ultimo il Circuito di Cenaia il 3 agosto 1978. Tra le vittorie più significative il Campionato mondiale nel 1973; il Tour de France 1965; tre Giri d’Italia (1965, ’67, ’76); una Vuelta Espana (1968); una Parigi-Roubaix (1966); una Milano-Sanremo (1974); due Parigi-Bruxelles (1966, ’76); due Giri di Lombardia (1966, ’73); due campionati italiani (1968, ’72); due Gran Premi delle Nazioni a cronometro (1967, ’68); un Gran Premio di Lugano a cronometro (1967); due Trofei Baracchi (1968 con Anquetil, 1973 con Rodriguez); un Giro di Romandia (1969). Ha vinto tappe al Giro, al Tour, alla Vuelta e vanta il record di podi al Giro d’Italia: nove (3 primi, 2 secondi, 4 terzi posti).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here