Il ministro Toninelli: “La Sicilia meriterebbe amministratori meno gattopardeschi”

0

“Io amo molto la Sicilia. Ma questa terra meriterebbe amministratori, diciamo, meno gattopardeschi. Qui bisogna cambiare davvero: a cosa serve far fare la Ragusa-Catania al privato in questo modo e poi farla pagare uno o due euro ogni cinque chilometri a chi viaggia? Vogliamo l’ennesima cattedrale nel deserto che non usa nessuno? Noi puntiamo a un’infrastruttura utile per la competitivita’ dei territori, che cittadini e imprese useranno davvero. E siamo vicini a questo importante traguardo. Abbiamo preso l’impegno di fare quell’opera, pero’ di farla bene. In modo che costi poco o nulla a chi ci viaggia sopra. E potremmo fare piu’ in fretta se avessimo Regione ed enti locali un po’ piu’ collaborativi. Ma tant’e’: arriveremo comunque al risultato”. A dirlo, in un’intervista al quotidiano “La Sicilia”, il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, atteso oggi nell’Isola, a Palermo e Caltanissetta. “Da quando sono ministro ci sono venuto gia’ sei o sette volte – ricorda Toninelli -. Abbiamo sbloccato cantieri, altri li abbiamo accelerati. Abbiamo messo un commissario alla disastrata viabilita’ secondaria. E andiamo avanti su questa strada per ridare dignita’ ai siciliani che viaggiano”.

Toninelli a Caltanissetta e’ atteso dalle imprese siciliane creditrici di Cmc. “Anche qui stiamo risolvendo una situazione pesante dataci in eredita’ – evidenzia il ministro -. La norma del Fondo salva-imprese consente di ristorare direttamente i subappaltatori colpiti dalla crisi dei grandi general contractor. Gia’ in Umbria le piccole e medie imprese edili pochi giorni fa ci hanno ringraziato per questo risultato che hanno definito in qualche modo storico. Stiamo limando gli ultimi dettagli tecnici, anche sull’inquadramento contabile dei crediti da rimborsare, ma a giorni il regolamento attuativo sara’ adottato. Cosi’ i grandi cantieri gia’ sbloccati potranno prendere piena velocita'”. Prima, per Toninelli, tappa all’aeroporto di Palermo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here