Caltanissetta, interrogazione scritta di Faraone (PD): “Riqualificazione Pian del Lago, garantire livelli occupazionali”

1

Facendo seguito alla visita ispettiva ai Centri Governativi di Pian del Lago a Caltanissetta ed all’incontro con gli operatori della struttura, realizzati nelle scorse settimane insieme ai dirigenti del PD Nisseno, il Sen. Faraone ha presentato una interrogazione a risposta scritta al Ministro dell’Interno, per conoscere quali iniziative intenda assumere il Governo, finalizzate a miglioramenti e riqualificazioni funzionali, anche di carattere strutturale, al fine di garantire i livelli occupazionali e migliorare la qualità dell’accoglienza ai migranti e la sicurezza dei lavoratori e degli operatori di polizia, accogliendo le proposte avanzate dalle organizzazioni sindacali alla Prefettura di Caltanissetta.

Ecco il testo dell’interrogazione: “Il centro governativo di Pian del Lago, a Caltanissetta, è l’unico in Italia dove coesistono all’interno della stessa struttura, realizzata nel 1998 dopo l’approvazione della legge “Turco-Napolitano”, tre diversi centri che accolgono e assistono gli immigrati irregolari: il centro di accoglienza (CDA) che dispone di 360 posti, il centro di accoglienza per richiedenti asilo (CARA) che ha una capienza di 96 posti ed il centro permanente per i rimpatri maschile (CPR), anch’esso di 96 posti, che ha preso il posto del CIE;

Nel corso di una visita, accompagnato dagli operatori del centro, e da rappresentanti della Questura e della Prefettura di Caltanissetta, l’interrogante ha avuto la possibilità di valutare l’opportunità di realizzare interventi di tipo strutturale, finalizzati al miglioramento delle condizioni di vita degli ospiti del centro, e di conseguenza a garantire adeguate condizioni di sicurezza ai lavoratori ed agli operatori delle forze di polizia;

Considerato che in tal senso è stata già prospettata dalle organizzazioni sindacali alla Prefettura di Caltanissetta l’opportunità di riconvertire alcune delle strutture esistenti, tra cui quelle attualmente destinate a CDI, con l’obiettivo di adibirle a CPR femminile con una capienza di 96 posti (pari a quello maschile), e di creare una struttura di accoglienza e sostegno alle madri migranti con minori,

Si chiede di sapere se il Ministro in indirizzo intenda assumere iniziative finalizzate a miglioramenti e riqualificazioni funzionali, anche di carattere strutturale, nei centri governativi di Pian del Lago, al fine di garantire i livelli occupazionali e migliorare la qualità dell’accoglienza ai migranti e la sicurezza dei lavoratori e degli operatori di polizia, accogliendo le proposte avanzate dalle organizzazioni sindacali alla Prefettura di Caltanissetta”.

 

1 COMMENTO

  1. Ancora Faraone…..!! Fino a l’anno scorso manco sapeva dov’era caltanissetta e il centro pian lago.
    Il centro va chiuso perché caltanissetta ha dato e ha contribuito dando residenza a 2750 profughi e non può permettermelo .
    Ora è giunto il tempo che politici LUNGIMIRANTI come Faraone , trovino altra collocazione per un nuovo centro, magari in qualche comune del palermitano che non ha mai accolto un profugo, sono sicuro che ne trova a decine nel suo collegio elettorale invece di rompere le palle a noi e con la compiacenza dei COMPAGNUCCI locali.
    Noi ora ci dobbiamo preoccupare di includere ed integrare chi è già in città cercando di sottrarli alla mafia nigeriana , allo spaccio e alla prostituzione ……..questa è ricerca della dignità .
    Tutto il resto è politica di basso profilo!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here