Mussomeli, borsellino con soldi e documenti smarrito, trovato e consegnato. Il racconto del dipendente comunale Pino Russo

0

MUSSOMELI – I bei gesti profumano di  onestà: trova  borsellino e restituisce tutto.  Ieri mattina.  Il dipendente comunale Pino Russo, di buon mattino, poco dopo le 6, dopo aver consumato un caffè, ritornando alla sua macchina, posteggiata vicino la curva del tabaccaio, ha trovato un borsellino con circa 200 euro, patente di guida e tessera bancomat. Un borsellino appartenente a persona residente fuori sede. Si è dato subito da fare per risalire al proprietario. Ecco come Pino Russo racconta l’episodio:  “Erano circa le 6,30 e dopo avere consumato un caffè, tornando alla mia auto parcheggiata poco distante, ho notato questo portafoglio  a terra. Era sporco. L’ho raccolto e l’ho portato a casa, l’ho pulito e l’ho aperto. Francamente pensavo che fosse vuoto e che qualcuno l’avesse abbandonato, invece c’erano quasi 200 euro in contanti, patente di guida, tessere bancomat. La proprietaria era una ragazza, come si evinceva dai documenti, o meglio dalla patente della mamma, anch’essa nel portafoglio. Quindi ho contattato un fotografo di Santo Stefano di Quisquina che aveva lo stesso cognome, mi sono presentato e gli ho detto il fatto. Lui mi ha detto che si trattava della figlia del sindaco di un paese dell’agrigentino. A quel punto è stato lo stesso fotografo a fornirmi il numero telefonico del sindaco e così gli ho telefonato. Mi sono presentato –  racconta ancora Russo . e nel dirgli del ritrovamento, mi sono raccomandato di chiamare la ragazza per tranquillizzarla. Il suo portafogli era in buone mani. Il sindaco mi ha ringraziato, riconoscente, dicendomi che sarebbe venuto lui stesso a recuperare il portafoglio”. Un episodio che, senza ombra di dubbio, ha onore al dipendente comunale Pino Russo.