Mussomeli, comunicato sul “M .I. Longo”: parla Catania, Valenza e commissione sanità

0

Catania-Sindaco-10MUSSOMELI  – Riceviamo e pubblichiamo:  “Leggiamo con stupore la dichiarazione del consigliere e capogruppo del PDR, Dott. Sciarrino, circa l’ultimo incontro avuto sul punto nascita e sulla pediatria di Mussomeli”. A parlare sono il Sindaco Giuseppe Catania, il Presidente del Consiglio Gero Valenza e i componenti della commissione consiliare sanità. Dice Catania “l’affermazione del consigliere Sciarrino che ci accusa di volere mantenere in vita a tutti i costi una struttura obsoleta e stantia e non in linea con le reali esigenze del territorio è falsa. E’ una affermazione priva di ogni fondamento, tendenziosa, perché nel sostenere la necessità di mantenere il punto nascita, abbiamo sempre chiarito che la conditio sine qua non affinchè il punto nascita dell’ospedale di Mussomeli debba riaprire è che la struttura venga messa in sicurezza secondo i parametri e gli standard previsti. Inoltre, abbiamo sempre sostenuto che, come è stato fatto per altri punti nascita del territorio siciliano con condizioni analoghe alla nostra venga fatto con il punto nascita del vallone e come sono state trovate le risorse finanziarie per mettere in sicurezza tali Ospedale 10338913_795439247134266_394068880_npunti nascita venga fatto anche per Mussomeli. In altri termini ribadiamo che non accetteremo passivamente la disparità di trattamento a cui è stato sottoposto il punto nascita di Mussomeli e con esso i cittadini del nostro territorio, così come per altro sostenuto autorevolmente dal presidente della VI commissione Sanità, On.le Pippo Di Giacomo e si ritiene davvero incomprensibile la posizione di rassegnazione alla chiusura del punto nascita e della pediatria espressa con il suo post dal consigliere Sciarrino. Inoltre, con le sue dichiarazioni – Sciarrino – manca di rispetto non solo al sottoscritto ma a tanti sindaci e amministratori locali, di vario colore e schieramento politico, che in occasione delle varie manifestazioni a supporto del punto nascita (consigli comunali e manifestazioni di piazza) hanno sposato questa causa a difesa del diritto alla salute dei cittadini di tutti quei paesi che afferiscono al nostro nosocomio”. Rincara la dose l’intervento del Presidente del Consiglio Gero Valenza: “Mi preme capire se il consigliere Sciarrino parla a titolo personale o come capogruppo del PDR, partito che lui rappresenta in consiglio comunale, perché se così fosse ecco spiegato il disimpegno in questa vicenda di quei rappresentanti politici che molto potevano fare e poco stanno facendo. Peraltro quanto da lui affermato è assai lontano dal pensiero dell’intera commissione consiliare sanità di Mussomeli che invece ritiene necessaria e fondamentale una lotta a difesa del punto nascita e della pediatria. La Valenzastessa commissione sanità giudica grave e inopportuno che vengano fatte le dichiarazioni in nome e per conto della stessa, senza peraltro che le stesse siano state prima condivise. Riguardo l’accusa che ci viene mossa di fare passerella politica, rimandiamo al mittente tale affermazioni, ricordando al consigliere Sciarrino, che forse si è confuso con tante passerelle registratesi in svariate occasioni (vedi convegni sulle aree interne, zone franche inaugurazioni di istituti scolastici, etc). E non si capisce come per eventi di questo genere sono sempre presenti mentre quando c’è da sporcarsi le mani nelle manifestazioni di piazza insieme ai propri concittadini ci sono sempre altri impegni. Caro Consigliere Sciarrino, lei pensi ciò che vuole, noi continueremo a portare avanti i diritti dei nostri concittadini alla luce del sole e nei luoghi deputati e lo faremo senza tralasciare nessuna occasione sempre mettendo davanti a tutto l’impegno che abbiamo preso con la nostra comunità per dare loro quella dignità che meritano. E anzi, facciamo l’ennesimo appello a tutte le forze politiche di qualunque colore e a tutti i deputati nazionali e regionali di qualunque schieramento politico affinchè supportino questa azione a difesa del nostro Ospedale, del diritto alla salute di tutti i nostri concittadini e a difesa dei posti di lavoro garantita da questa importante struttura sanitaria”.