Il poeta Salvatore Amico vince il concorso di poesia indetto dal Cral Giustizia di Caltanissetta.

0

Come trasformare l’aula di un tribunale in un luogo di poesia. E’ quanto riuscito agli organizzatori della terza edizione della terza edizione del  Concorso di Poesia indetto dal Cral Giustizia di Caltanissetta. La premiazione, per l’appunto, è avvenuta nell’Aula Magna del Palazzo di Giustizia di Caltanissetta e nell’occasione ha vinto il primo premio Salvatore Amico, poeta originario di Serradifalco ma da anni residente a Caltanissetta dove insegna lingue alla scuola media. La poesia in lingua italiana con la quale ha vinto il concorso si intitola “Boccioli di pensieri” per la sezione “Emozioni dal cuore”. Il poeta serradifalchese è stato premiato dalla poetessa e prof.ssa Maria Concetta Naro (nella foto) che ha fatto parte della commissione giudicatrice insieme alla prof/ssa Giselda Di Carlo e al prof. Calogero Micciché. In occasione della cerimonia di presentazione c’è stato anche un intermezzo musicale che è stato curato dal duo di chitarre formato da Francesca Costanza e Roberto Cipollina, allievi dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “Vincenzo Bellini” di Caltanissetta diretto dal maestro Angelo Licalsi. “Ottenere un riconoscimento poetico in un’aula di tribunale è un valore aggiunto alla mia carriera poetica e letteraria – ha commentato Amico – aver portato in questa aula le emozioni dettate dal cuore è per me motivo di grande gioia”.amico premiato da naro