Salute

AttraversaMenti. Si cerca dinfar girare il documentario sull’alzheimer per i comuni nisseni

Redazione

AttraversaMenti. Si cerca dinfar girare il documentario sull’alzheimer per i comuni nisseni

Lun, 22/10/2012 - 14:26

Condividi su:

CALTANISSETTA – Inizia a muovere i primi significativi passi il documentario AttraversaMenti, film prodotto dalla cooperativa sociale Etnos di Caltanissetta presieduta da Fabio Ruvolo e realizzato dal regista nisseno Luca Vullo e dalla casa di produzione Ondemotive. Dopo la prima proiezione di poche settimane fa al Centro Polivalente Michele Abbate, che ha fatto registrare il classico sold out, data la valenza del tema trattato, la Cooperativa adesso sta attivandosi per proporre la proiezione a diversi comuni del nisseno ed altri capoluoghi regionali, con particolare attenzione anche agli istituti scolastici. I promotori del progetto rinnovano l’invito alla visione del film ancora alle autorità civili e religiose del territorio. Il documentario è pregno di testimonianze, di vita vera, reale, di aneddoti, raccontati dagli stessi pazienti e dai loro familiari, con una alternanza tra allegria e tristezza che genera pathos dal primo all’ultimo minuto. Il Film la sposerà certamente altre cause solidali, si pensa già di impiegare gli eventuali ricavi l’acquisto di un camper che possa consentire una sensibilizzazione continua e costante dell’Alzheimer nei piccoli centri, dove la patologia è ancora connotata da forte pregiudizio. Il documentario è altresì invito per le istituzioni ad attivarsi a garantire adeguata assistenza agli ammalati ed alle famiglie che vivono il dramma della malattia, ed ancora ai familiari a costituirsi in associazioni per far valere i loro diritti. AttraversaMenti si pone inoltre l’obiettivo di abbattere i tabù che rendono ancora la malattia dell’Alzheimer come qualcosa di cui vergognarsi, dato che intaccando la sfera celebrale, pone i familiari in uno stato di riserbo e chiusura, che li tende ad isolare il  congiunto dal mondo esterno, dalla società, che potrebbe considerarlo “pazzo”. La soluzione testimoniata dalla pellicola, sta invece proprio nell’apertura e nella cooperazione. A proposito di Alzheimer e di cooperazione, il presidente della cooperativa Etnos Fabio Ruvolo si dice compiaciuto per l’attivazione di un centro diurno per l’Alzheimer in provincia di Caltanissetta da parte dell’Asp 2, l’azienda sanitaria provinciale diretta dal manager Paolo Cantaro. In attuazione al piano sanitario regionale 2011/2013, che prevedeva l’attivazione di 18 centri in tutta l’isola, pare infatti che entro il 28 Ottobre 2012 l’Asp nissena stia attivando questa nuova realtà a Caltanissetta attraverso l’inserimento di personale esterno. “Una iniziativa degna di lode- sottolinea Fabio Ruvolo – che potrebbe veder la luce adesso, a quasi due anni da quello che prevedeva Piano Regionale. Speriamo -conclude Ruvolo- che il nuovo centro possa aggregare le realtà associative qualificate già presenti sul territorio che operano con comprovata esperienza e professionalità”.