Salute

Green Pass: prima di ripartire caccia ai sanitari “no vax”

Redazione 2

Green Pass: prima di ripartire caccia ai sanitari “no vax”

Dom, 12/09/2021 - 12:55

Condividi su:

Sta per prendere forma la caccia agli operatori sanitari no-vax in Sicilia e privi del Green pass. Si concludera’ la prossima settimana l’istruttoria dell’Asp di Palermo al termine della quale 44 lavoratori dell’Asp rischiano la sospensione dal lavoro. Sono infatti tanti i dipendenti per i quali l’istruttoria non e’ ancora conclusa e che al momento non risultano vaccinati. In questi giorni stanno fornendo le proprie giustificazioni in risposta alle note di diffida a procedere alla vaccinazione.

Dei 44 complessivi, 3 medici, 16 infermieri, 1 psicologo, 1 biologo, 1 tecnico di laboratorio biomedico, 1 dietista, 4 fisioterapisti, 1 tecnici di prevenzione veterinaria, 1 operatore socio sanitario, 1 ausiliario, 1 autista e 13 dipendenti di uffici amministrativi A Catania e provincia un solo medico e’ stato sospeso dall’ordine, cosi’ come vuole la prassi, ma non perche’ non aveva fatto il vaccino, bensi’ per la sua propaganda ‘Non Vax’.

Per il resto, delle 15 segnalazione che l’Asp ha inoltrato all’ordine dei medici 14 sono rientate e nello specifico 8 erano vaccinati alcuni all’estero, 3 si sono sottoposti al vaccino, una ha contratto il Covid e 2 sono stati esentati per patologie pregresse. “Prima di effettuare la sospensione – spiega Igo Lamantia, presidente dell’ordine dei medici di Catania – facciamo delle verifiche e sollecitiamo che ogni cosa proceda secondo le disposizione di legge.

Adesso il nostro prossimo passo sara’ quello di valutare la posizione dei medici di medicina generale, che secondo indiscrezioni, potrebbero essere tanti. Ma staremo molto attenti perche’ sospendere un medico di medicina generale significa poi lasciare scoperti i pazienti di quel professionista”.

Necrologi di Caltanissetta