La metà dei giovani siciliani tra i 25 e 34 anni non studia e non lavora: nessuno è peggio in Europa

0

La metà dei giovani siciliani tra i 25 e i 34 anni non studia, non lavora né risulta in un percorso di formazione o di tirocinio: i dati dell’Eurostat riferiti al 2017 danno la maglia nera per i Neet in questa fascia di età alla Sicilia che pur migliorando rispetto al 2016 (era al 50,5%) fa peggio anche della Guyana francese (49,2%). La media Ue è al 17,9% mentre la provincia autonoma di Bolzano è al 13,8% (30,2% medio in Italia).

Il dato non è ininfluente ai fini del Reddito di cittadinanza dato che compiuti i 26 anni se non si vive nella stessa casa non si è più a carico della famiglia di origine. «Il figlio maggiorenne non convivente con i genitori – si legge nel Decretone – fa parte del nucleo familiare dei genitori esclusivamente quando è di età inferiore a 26 anni, è nella condizione di essere a loro carico a fini IRPEF, non è coniugato e non ha figli». (Fonte gds.it)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here