Nissa Rugby, buon esordio. Lo Celso: “Complimenti ai nostri giovani”. Cerbere, un successo ed un KO. Blandi: “Dobbiamo migliorare l’aspetto mentale”

    0

    Andrea Lo Celso e Fabrizio Blandi, rispettivamente tecnici di Nissa Rugby e Cerbere, analizzano l’esordio stagionale delle due formazioni. Le compagini del capoluogo nisseno hanno giocato la prima sul manto erboso del “M. Tomaselli” domenica 14 ottobre.

    La Nissa Rugby si è imposta per 48 a 5 sui Bulls Vittoria  (Serie C, Girone 2,  Pool A), mentre le Cerbere nel raggruppamento di Coppa Italia femminile hanno ottenuto una vittoria ed una sconfitta: Ragusa Union –  Cerbere 24-0, Cerbere – Amatori CT1963 65-0.

     Lo Celso evidenzia: “Abbiamo iniziato bene la prima di campionato; anche essendo i favoriti non è stata di certo una partita facile per tanti fattori: non aver fatto nessuna amichevole precampionato, i tanti giovani esordienti come Lipani e Palermo, ed infine le condizioni meteorologiche che di certo non hanno facilitato il gioco alla mano, ma reso tutto più complicato. Abbiamo alla fine messo in atto un buon movimento offensivo con gli uomini di mischia sempre a sostegno del gioco e a disposizione del reparto dei trequarti. Abbiamo avuto nel primo tempo qualche difficoltà in mischia chiusa, e sarà questo il focus del lavoro su cui ci baseremo nelle prossime due settimane. Di certo fare il pilone non è un ruolo semplice ma domenica ci siamo ritrovati a schierare una prima linea formata da due tallonatori e un pilone sinistro, quindi la mancanza di un giocatore di ruolo ha fatto la differenza. Voglio complimentarmi con i miei ragazzi, soprattutto con Palermo, Gioveni, Nicolosi, Giunta e il capitano Rinaldi; tutti hanno fatto il loro dovere e siamo andati in meta 8 volte contro un buon Vittoria che ho trovato molto migliorato rispetto alla scorsa stagione. Complimenti ai nostri avversari per l’impegno, hanno lottato strenuamente su ogni pallone. Archiviato il successo, pensiamo al Belpasso, prossimo ostico avversario”.

    Blandi, in merito alla prestazione delle Cerbere, sottolinea: “Siamo molto contenti del livello prestativo generale ed anche dell’aspetto fisico; abbiamo tenuto bene il campo. Abbiamo visto che anche il lavoro che abbiamo fatto l’anno scorso, che ci ha permesso di alzare l’asticella più in alto, è ancora ben chiaro e presente: ci consente di costruire per il futuro. Dobbiamo, però, arrivare ad avere un approccio mentale alla partita molto più attento e puntuale, perché ci ha penalizzato: dobbiamo cercare di reagire bene sotto stress, su questo lavoreremo da subito. Il nostro obiettivo è arrivare lontano, riuscire ad avere una bella squadra che dia soddisfazioni a noi e che sia portabandiera della città”.

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here