Salute

Squallido e diabolico depistaggio. Michele Giarratana: “Un Sindaco assente, incapace, incompetente e imbroglione sta distruggendo la città”

Redazione

Squallido e diabolico depistaggio. Michele Giarratana: “Un Sindaco assente, incapace, incompetente e imbroglione sta distruggendo la città”

Lun, 12/10/2015 - 08:53

Condividi su:

imageCALTANISSETTA – Riceviamo e pubblichiamo. Non è una provocazione quello che ha detto Ruvolo da Rochester sul caso Marino e nemmeno un post delirante dovuto al jet lag. Niente di tutto questo. E’ un perfetto modello di depistaggio mediatico peraltro perfettamente riuscito a leggere commenti e reazioni decisamente fuori dai denti. Infatti in un momento in cui i suoi collaboratori ridotti sempre più a caporali di giornata si affannano per capirci qualcosa e fronteggiare situazioni più grandi di loro, in un momento in cui succede di tutto fra uragani e mancanza d’acqua potabile, lui, Ruvolo, particolarmente ispirato dalle rive dell’Ontario, prima ci informa che ci conforta, poi che farà saltare i tavolini di qualcuno (Siciliacque o Caltaqua, ora vediamo), infine che i collaboratori di Crocetta lo hanno confortato sul rimborso dei danni. Avendo avuto informazioni sullo stato di agitazione dei nisseni che cominciano a perdere la pazienza allora che fa? La spara grossa su Marino. Il branco si butta subito su quest’osso. E giù polemiche con botte e risposte. Obiettivo raggiunto. Ora si parlerà solo della temeraria e gigantesca panzana che invoca perfino una mobilitazione a favore del suo collega Sindaco. Ruvolo cari nisseni, sia quelli che lo avete votato che quelli che lo detestate, è tutto fuorché uno stupido. E’ semplicemente diabolico. Se ne accorgeranno perfino quelli che si incantano davanti a lui e pendono dalle sue labbra. L’ho seguito nel suo percorso civico, poi qualcosa non quadrava e Caltanissetta Protagonista lo ha smascherato. Ma non è bastato. Cambiate una “v” con una “n”: et voilà, da civico diventa cinico. Ma è anche un bravissimo affabulatore; il pifferaio magico qualcuno, anch’esso poco incline ai pallonari, lo ha definito. Ma alla fine ci sono caduti tutti. Partiti, sindacati, preti, movimenti, associazioni e lo hanno votato come incantati. Oggi continua a far sognare, ma sempre meno persone. Continua a martellare con ossessione sul sorriso, sulla speranza, sul sogno; sale sulla montagna, vede l’orizzonte, scruta cosa c’è poi ridiscende e lo indica al suo popolo. Così ha scritto. Cari nisseni non perdete di vista la palla; non pensate a Marino e non scannatevi su Marino dimenticando che intanto un Sindaco assente, incapace, incompetente e imbroglione sta distruggendo una città. Non fatevi incantare dal suo linguaggio da guru; non pensate alle sue sparate ad effetto sui traguardi raggiunti mentre niente ma proprio niente ha realizzato del suo programma. Dopo quasi un anno e mezzo non si è vista alcuna svolta nella gestione della città ma un’approssimazione pericolosa e disarmante. L’elenco dei disservizi, se non dei drammi, che giornalmente viviamo lo lascio a voi. Coloro che fanno politica e hanno un ruolo ben preciso, loro, prima di tutti, si scrollino il torpore e l’apatia che li attanaglia. Non faccio distinzione fra destra e sinistra. Si è parlato di mozione di sfiducia con modi timidi e strategie sbagliate nei modi e nei tempi. Ma non rottamiamo questa possibilità. Nel frattempo qualcuno di buon senso della maggioranza affianchi questo Sindaco, lo induca politicamente e amministrativamente a svolgere il suo ruolo senza che possa fare danni. Se non si fa aiutare allora, invece di attaccarvi al potere mettetelo all’angolo e fra sei mesi dategli il benservito per il bene della città con il conforto che offrono gli strumenti legislativi . E poi ci si misuri sui programma veri, reali e concreti lasciando pifferi e pifferai a casa.

​​​​​​Michele Giarratana

Portavoce di Caltanissetta Protagonista