Droga: diecimila piante di marijuana nascoste nelle serre, tra Caltanissetta e Ragusa

0

Diecimila piante di marijuana, una piantagione ben nascosta in un territorio impervio ed inaccessibile, non abbastanza per i finanzieri del comando provinciale di Ragusa che hanno individuato e sequestrato in contrada Ficuzza, a cavallo tra Ragusa e Caltanissetta, in territorio di Gela. Arrestato il vittoriese Giovanni Marceca, 68 anni, con precedenti specifici ed una condanna in Cassazione a 8 anni di carcere gia’ scontati per analoga attivita’ (all’epoca era stata rinvenuta una serra con 3800 piantine). In questa occasione i finanzieri hanno rinvenuto tre serre collocate in un’area di oltre 6 mila metri quadri a ridosso della statale Vittoria-Gela. Le piante di marijuana, aventi un’altezza media tra gli 80 ed i 120 centimetri erano nascoste alla vista di eventuali osservatori, all’interno delle serre, da una barriera”di ortaggi ad alto fusto. Da una stima effettuata sulla base delle prime analisi eseguite dalla Asp di Ragusa, si ritiene che ogni pianta, una volta completata la fase di crescita ed essiccata, avrebbe prodotto dalle 150 alle 220 dosi, per un valore al dettaglio di diversi milioni di euro. La perquisizione operata nella piantagione ha portato alla luce un impianto serricolo dotato di un sistema sofisticato di irrigazione. Da un caseggiato rurale la guardiania della piantagione: all’interno del locale, gli investigatori hanno rinvenuto e sequestrato una radiotrasmittente ed un binocolo. Convalidato dal gip Ivano Infarinato, al carcere di Ragusa, l’arresto di Marceca che assistito dal suo legale, Gianluca Gulino, si e’ avvalso della facolta’ di non rispondere. Il gip ha disposto la custodia cautelare in carcere ed ha trasmesso gli atti a Gela, territorio nel quale si e’ consumato il reato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here