Avviso Legale – tribunale di Caltanissetta – Procedura n. 122/1994 + (96/1994 e 30/2001) Reg. Es. Imm.

0

TRIBUNALE DI CALTANISSETTA

AVVISO DI VENDITA

n. 122/1994 + (96/1994 e 30/2001) Reg. Es. Imm.

 

Il Notaio Dr.ssa Cecilia Claudia Romano, delegato alla vendita dall’Ill.mo Giudice dell’Esecuzione, rende noto che in data 15 marzo 2019 ore 12,00 presso il suo ufficio sito in Caltanissetta Via Kennedy n. 46, avrà luogo la vendita senza incanto, del seguente bene immobile:

 

LOTTO TRE:

la piena proprietà di un magazzino sito in Comune di Caltanissetta alla Via Pier Santi  Mattarella, di superficie lorda di mq. 154,76.

Censito al C.F. del Comune di Caltanissetta, al foglio 171, particella 457, ZC 2, cat. C/2, cl. 3^, consistenza 136 mq, R.C. € 477,62.

Il prezzo a base d’asta è fissato in Euro 75.853,83.

Offerta minima di acquisto per la partecipazione alla vendita (pari al 75% del suddetto prezzo base):  Euro 56.890,37.

 

LOTTO QUATTRO:

la piena proprietà di un appartamento sito in Comune di Caltanissetta posto al piano seminterrato rispetto alla Via Niscemi e al piano terra rispetto alla Via Pier Santi Mattarella, di superficie lorda di mq. 86,18. Nella vendita sono compresi i pertinenti e proporzionali diritti sulla particella n. 321 e sulla corte della particella 158, così come meglio specificato nella relazione dell’Esperto.

Censito al C.F. del Comune di Caltanissetta, al foglio 171, particella 158, sub. 1, graffata alla p.lla 348,  ZC 2, cat. A/4, cl. 3^, consistenza 3,5 vani, R.C. € 113,88.

Il prezzo a base d’asta è fissato in Euro 45.963,16.

Offerta minima di acquisto per la partecipazione alla vendita (pari al 75% del suddetto prezzo base):  Euro 34.472,37.

 LOTTO CINQUE:

la piena proprietà di un appartamento sito in Comune di Caltanissetta posto al piano seminterrato rispetto alla Via Niscemi e al piano terra rispetto alla Via Pier Santi Mattarella, di superficie lorda di mq. 86,14. Nella vendita sono compresi i pertinenti e proporzionali diritti sulla particella n. 321 e sulla corte della particella 158, così come meglio specificato nella relazione dell’Esperto.

Censito al C.F. del Comune di Caltanissetta, al foglio 171, particella 158, sub. 7,  ZC 2, cat. A/4, cl. 3^, consistenza 5,5 vani, R.C. € 153,10.

Il prezzo a base d’asta è fissato in Euro 45.939,16.

Offerta minima di acquisto per la partecipazione alla vendita (pari al 75% del suddetto prezzo base):  Euro 34.454,37.

  Dalla CTU in atti è emerso che l’immobile di cui al Lotto UNO è stato realizzato in assenza di licenza di costruzione ed ultimata nel 1975. Per la stessa è stata presentata istanza di sanatoria ex lege 47/85 protocollata il 28/06/1986 al n. 024217 che potrà essere definita a cura dell’aggiudicatario mediante il pagamento dell’oblazione e degli interessi che il CTU alla data del 10/12/2009 ha quantificato in € 3.931,34. La suddetta somma è stata detratta dal prezzo a base d’asta.

Con riferimento agli obblighi nascenti dal D.Lgs. n. 192/2005 e successive  integrazioni e modificazioni sulla prestazione energetica, detto immobile appartiene alla categoria energetica “G” come da Attestazione di Prestazione Energetica (A.P.E.) redatta dall’Esperto della Procedura.

 

Con riferimento all’immobile di cui al Lotto DUE il CTU ha evidenziato che risulta attualmente destinato ad appartamento in difformità rispetto al progetto autorizzato dal Comune di Caltanissetta con autorizzazione del 16.02.1954 prot. 3154 e successiva licenza di costruzione del 04.05.1956 nel contesto della quale era destinata a locali uffici e magazzini strumentali all’attività artigianale.

L’aggiudicatario potrà sanare il cambio di destinazione dell’immobile in abitativo mediante istanza di sanatoria nei termini di legge ai sensi dell’art. 40 L. 47/1985 con il pagamento di un’oblazione in misura fissa e oneri concessori per un totale di € 5.744,84 salvi conguagli. La suddetta somma è stata detratta dal prezzo a base d’asta.

Rimane impregiudicata per l’aggiudicatario la facoltà di richiedere la sanatoria, senza vincoli di termini, rapportandosi con le alternative urbanistiche compatibili con le norme igienico sanitarie per la destinazione d’uso scelta; in tale ultimo caso il costo è stato quantificato dal CTU in circa € 10.360,00, somma non decurtata dal prezzo base d’asta ed in ogni caso ad esclusivo carico dell’aggiudicatario.

Con riferimento agli obblighi nascenti dal D.Lgs. n. 192/2005 e successive  integrazioni e modificazioni sulla prestazione energetica, detto immobile appartiene alla categoria energetica “G” come da Attestazione di Prestazione Energetica (A.P.E.) redatta dall’Esperto della Procedura.

 

Con riferimento, infine, all’immobile di cui al Lotto TRE il CTU ha evidenziato che risulta attualmente destinato ad appartamento in difformità rispetto al progetto autorizzato dal Comune di Caltanissetta con autorizzazione del 16.02.1954 prot. 3154 e successiva licenza di costruzione del 04.05.1956 nel contesto della quale era destinata a locali  docce e spogliatoi strumentali all’attività artigianale.

L’aggiudicatario potrà sanare l’immobile con la destinazione abitativa mediante istanza di sanatoria nei termini di legge ai sensi dell’art. 40 L. 47/1985 con il pagamento di un’oblazione in misura fissa e oneri concessori per un totale di € 5.744,84 salvi conguagli. La suddetta somma è stata detratta dal prezzo a base d’asta.

Rimane impregiudicata per l’aggiudicatario la facoltà di richiedere la sanatoria, senza vincoli di termini, rapportandosi con le alternative urbanistiche compatibili con le norme igienico sanitarie per la destinazione d’uso scelta; in tale ultimo caso il costo è stato quantificato dal CTU in circa € 9.459,28, somma non decurtata dal prezzo base d’asta ed in ogni caso ad esclusivo carico dell’aggiudicatario.

Con riferimento agli obblighi nascenti dal D.Lgs. n. 192/2005 e successive  integrazioni e modificazioni sulla prestazione energetica, detto immobile appartiene alla categoria energetica “G” come da Attestazione di Prestazione Energetica (A.P.E.) redatta dall’Esperto della Procedura.

Gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui attualmente si trovano, con tutti gli accessori, le accessioni, le pertinenze e le servitù attive e passive legalmente costituite meglio descritte nella relazione dell’Arch. Andrea Milazzo cui si fa esaustivo riferimento.

Gli immobili vengono posti in vendita a corpo e non a misura e, pertanto, eventuali differenze di misura o consistenza non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo.

La vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo.

Da ciò ne discende che l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere, ivi compresi ad esempio quelli derivanti dall’eventuale necessità  di adeguamento degli impianti alle leggi vigenti, ovvero per qualsiasi altro motivo non considerati, anche se occulti o comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo.

Per tutto quanto non meglio indicato nel presente avviso si rinvia al contenuto tutto della relazione dell’Arch. Andrea Milazzo cui si fa esaustivo riferimento.

La vendita, avrà luogo secondo le seguenti

MODALITA’ E CONDIZIONI:

1)  La vendita avverrà esclusivamente nella forma della vendita senza incanto;

2)   Chiunque, eccetto il debitore, è ammesso a presentare offerte personalmente o per mezzo di procuratore legale anche per persona da nominare, a norma dell’art. 579, ultimo comma, c.p.c.

3)  Le offerte di acquisto, in bollo, dovranno essere presentate in busta chiusa, entro le ore 12,00 del giorno precedente la data fissata per la vendita, presso lo studio del professionista delegato, Notaio Dr.ssa Cecilia Claudia Romano, sito in Caltanissetta Via Kennedy n. 46;

 4)  All’esterno della busta, a cura del professionista Delegato o di un suo delegato ad hoc, sarà annotato il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del Giudice dell’Esecuzione, quello del professionista delegato e la data fissata per l’esame delle offerte;

5)  L’offerta di acquisto, in bollo, dovrà contenere:

  1. A) nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza o domicilio, stato civile, recapito telefonico del soggetto offerente. In particolare, ciascun offerente dovrà dichiarare la propria residenza ovvero eleggere domicilio presso il Comune in cui ha sede l’intestato Tribunale, sotto comminatoria – in mancanza – di effettuare ogni comunicazione presso la cancelleria. L’offerente o il suo procuratore, dovrà presentarsi presso lo studio del professionista delegato nel giorno stabilito per la vendita. Se l’offerente è coniugato dovrà presentare autodichiarazione in ordine al regime patrimoniale adottato o se in regime di comunione legale di beni, dovranno essere indicati anche i corrispondenti dati del coniuge. Se l’offerente è una società o altro ente dovrà essere allegato idoneo certificato del registro delle imprese da cui risulti l’attuale vigenza della persona non fisica con enunciazione della spettanza dei poteri di rappresentanza legale. Se l’offerente è minorenne, l’offerta dovrà essere sottoscritta dai genitori previa autorizzazione del Giudice tutelare;
  2. B) i dati identificativi del bene per il quale l’offerta è proposta;
  3. C) l’indicazione del prezzo offerto che potrà essere inferiore anche al prezzo a base d’asta sopra indicato, purché non sia ridotto di oltre ¼. Saranno pertanto ritenute valide anche offerte inferiori di non oltre ¼ il prezzo a base d’asta e quindi non inferiori all’offerta minima di € 56.890,37 per il Lotto TRE ed € 34.472,37 per il LOTTO QUATTRO ed € 34.454,37 per il LOTTO CINQUE. Eventuali offerte inferiori ai superiori importi minimi saranno ritenute inefficaci;
  4. D) il termine per il versamento del saldo prezzo, nonché degli ulteriori oneri, diritti e spese conseguenti alla vendita. In mancanza di indicazione del termine, si intende che esso è di centoventi (120) giorni dalla aggiudicazione.
  5. E) in caso di dichiarazione presentata da più soggetti, l’indicazione di quello, tra questi, che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento;
  6. F) ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta;
  7. G) l’espressa dichiarazione di aver preso visione dei documenti ipo-catastali allegati all’istanza di vendita ex art. 567 c.p.c. e della perizia di stima;
  8. H) copia del documento di riconoscimento e del codice fiscale della persona che intende partecipare all’asta;

 6)  Le offerte di acquisto dovranno essere accompagnate dal deposito, mediante assegno circolare non trasferibile intestato al .professionista delegato, con indicazione del numero della procedura e del lotto per cui si partecipa, di una somma, a titolo di cauzione, pari al 10% del prezzo offerto per il lotto cui si intende partecipare;

 7)    Detto assegno sarà inserito nella busta contenente la relativa offerta di acquisto;

8)  L’offerta per la vendita senza incanto, se presentata è irrevocabile salvo che: a) il professionista delegato ordini l’incanto; b) siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione ed essa non sia stata accolta;

 9)  Le buste contenenti l’offerta di acquisto saranno aperte alla presenza degli offerenti, avanti al professionista delegato, presso il proprio ufficio sito in Caltanissetta, Via Kennedy n. 46.

10) Sull’offerta il professionista delegato sentirà le parti ed i creditori iscritti non intervenuti e   provvederà alle deliberazioni a norma degli artt. 572, 573, 574 c.p.c..

In particolare se l’offerta è pari o superiore al prezzo base d’asta stabilito nell’avviso di vendita, la stessa è senz’altro accolta.

Se il prezzo offerto è inferiore al prezzo base stabilito nell’avviso di vendita (sempre che la riduzione non sia superiore ad un quarto (1/4) rispetto al prezzo a base d’asta), il professionista delegato farà luogo alla vendita quando ritiene che non vi sia seria possibilità di conseguire un prezzo superiore con una nuova vendita e non sono state presentate istanze di assegnazione ai sensi dell’art. 588 e segg.  c.p.c.

11) In presenza di più offerte relative al medesimo lotto, il professionista delegato inviterà immediatamente gli offerenti presenti ad una gara sulla base del prezzo più alto tra quelli offerti ex art. 573 c.p.c., con rilancio in aumento non inferiore ad Euro 4.000,00 per il Lotto UNO ed € 2.000,00 per i Lotti DUE e TRE. Il bene verrà aggiudicato a chi avrà effettuato il rilancio più alto.

12)  L’aggiudicatario, nel termine indicato in offerta, ovvero in caso di mancata indicazione del termine, entro centoventi giorni dall’aggiudicazione, dovrà depositare il residuo prezzo, oltre oneri, diritti e spese di vendita detratto l’importo della cauzione effettivamente versata a mezzo di assegni circolari non trasferibili intestati al Professionista delegato, Notaio Dr.ssa Cecilia Claudia Romano con indicazione del numero della procedura e del lotto per cui si partecipa. In caso di inadempimento l’aggiudicatario sarà dichiarato decaduto e sarà pronunciata la perdita della cauzione versata a titolo di multa.

Laddove ricorrano giustificati motivi, su istanza dell’aggiudicatario, il giudice dell’esecuzione potrà disporre che il versamento del prezzo abbia luogo ratealmente ed entro un termine non superiore a 12 mesi.

      Ove il versamento del prezzo abbia luogo ratealmente, l’aggiudicatario che ne faccia richiesta potrà essere immesso nel possesso dell’immobile venduto, a condizione che sia prestata una fideiussione autonoma, irrevocabile e a prima richiesta, per un importo pari ad almeno il trenta (30) per cento del prezzo di vendita. La fideiussione verrà preventivamente sottoposta al vaglio del Giudice dell’Esecuzione, il quale valuterà la capacità di garantire l’adempimento integrale e tempestivo della garanzia. La fideiussione è rilasciata a favore della procedura esecutiva a garanzia del rilascio dell’immobile entro trenta giorni dall’adozione del provvedimento di cui all’art. 587, primo comma, secondo periodo, c.p.c., nonché del risarcimento dei danni eventualmente arrecati all’immobile.

13)  Saranno a carico dell’aggiudicatario e/o assegnatario la metà del compenso relativo alla fase di trasferimento della proprietà, nonché le relative spese generali e le spese effettivamente sostenute per l’esecuzione delle formalità di registrazione, trascrizione e voltura catastale ed ogni altro onere fiscale derivante dalla vendita ai sensi del D. M. n. 227 del 15 ottobre 2015.

Per le ulteriori precisazioni relative alle offerte di acquisto, per le modalità di presentazione delle offerte e per le condizioni di vendita e quant’altro necessario, si rinvia, comunque, all’ordinanzA di vendita del G.E. del 09/12/2013 ed alla successiva integrazione del 07-15/10/2015.

Il presente bando, la consulenza di stima e l’ordinanza di vendita sono visionabili sul sito internet www.astegiudiziarie.it e sul portale delle vendite pubbliche del Ministero di Giustizia; per ogni ulteriore informazione rivolgersi presso l’ufficio secondario del professionista delegato, ogni Lunedì e Venerdì dalle 10,00 alle 12,00.

Caltanissetta, lì 23.11.2018

                                                                                                   Il Professionista Delegato

                                                                                        Notaio Dr.ssa Cecilia Claudia Romano