Salute

Rassegna stampa. Francesca Guacci, la fitness influencer che si è operata a 23 anni per non avere figli

di Francesca Visentin - corrieredelveneto.corriere.it

Rassegna stampa. Francesca Guacci, la fitness influencer che si è operata a 23 anni per non avere figli

Condividi su:

“Non voglio avere figli, è una scelta irrevocabile. Non per egoismo, ma per amore. So che non potrei dedicare loro il tempo, le attenzioni e lo spazio che si meritano». Francesca Guacci, 28 anni, fitness influencer di Massanzago (Padova), ha deciso di rendere pubblica la sua scelta di farsi asportare le tube di Falloppio (salpingectomia) per non diventare madre. Un intervento che risale a 5 anni fa, comunicato all’epoca sui social come rivendicazione perché ogni donna possa essere libera di scegliere della sua vita. Allora fu sommersa da critiche, gli haters da tastiera si scatenarono. Oggi è tornata a parlarne, ma in modo diverso, cercando di spiegare la sua scelta in modo che sia utile a tante ragazze e donne che, come lei, decidono di non volere figli.

Francesca Guacci, è difficile parlarne, le critiche l’hanno ferita?
«No, per niente. È stato facile raccontare la mia scelta, sono fiera di chi sono oggi e della decisione che ho preso. In molti hanno cercato di farmi vergognare, non ci sono riusciti. Sono sempre stata ostacolata nelle mie scelte, già in famiglia quando decisi di fare l’influencer, quindi sono abituata a sostenere le critiche».

Sui social ha ricevuto più critiche o solidarietà?
«Tantissimi insulti. Mi dicono che sono irresponsabile e che voglio solo fare sesso libero, sciocchezze che mi scivolano addosso. In realtà i commenti sono divisi a metà, c’è molta aggressività, ma anche tanti che mi sostengono».

Cosa risponde a chi la insulta?
«Mi sono esposta comunicando la mia scelta pubblicamente, quindi ritengo un dovere rispondere alle critiche. Per me è anche un esercizio mentale, scelgo sempre la via della gentilezza e questo spiazza. Gli haters non si aspettano la gentilezza, così li sotterro».

Perché è così certa di non volere figli?
«La mia è una consapevolezza profonda, non un capriccio. Non è una scelta superficiale, ma ragionata, lucidissima. Ho fatto l’intervento 5 anni fa, quando avevo 23 anni e non ho mai avuto rimpianti. Non voglio essere madre perché la mia vita è già molto piena di altro, non sarebbe corretto avere figli e non dedicare loro il tempo e l’amore a cui hanno diritto. Io ho istinto materno, ma lo canalizzo in altro, nella creatività. Sono anche madre di me stessa prendendomi cura del mio benessere fisico e mentale».

È innamorata?
«Sono stata innamorata. Da poco mi sento rinata dopo la fine di una storia d’amore che è stata una grande delusione»

I partner che ha avuto come hanno preso la sua scelta?
«Gli uomini nella maggioranza quando vengono a sapere dell’intervento per non avere figli mi bollano come snaturata o immatura. Ma c’è anche chi è interessato a capire me e le mie motivazioni. E mi sostiene».

Se tra dieci anni cambiasse idea e volesse avere figli, potrebbe farlo?
«Certo. Posso diventare comunque madre, senza una gravidanza naturale. Ho le ovaie e l’utero, quindi ho le mestruazioni, non sono in menopausa, posso fare la fecondazione in vitro. La salpigenctomia non è una sterilizzazione, vengono tolte solo le tube».

Perché ha voluto parlare pubblicamente della sua scelta?
«Perché ho sofferto molto prima di riuscire a fare l’operazione. Sono stata osteggiata e denigrata, anche da medici. Un ospedale 5 anni fa ha rifiutato di farmi l’intervento, trattandomi male, umiliandomi, mi sono sentita violata. Le motivazioni? Mi hanno detto che ero troppo giovane, che era una scelta contronatura. Invece era un mio diritto. Infatti all’ospedale di Bussolengo (Verona) mi hanno operata subito, senza problemi e senza alcuna inquisizione o colpevolizzazione».

Che messaggio vuole dare facendo sapere del suo percorso e delle difficoltà?
«Tante ragazze non trovano strutture nella loro regione per fare questo intervento. Ma è un loro diritto, devono saperlo. Io ne parlo per evitare a loro insulti e un calvario umiliante. La libertà per me è la cosa principale. Ogni donna deve essere libera di scegliere per la sua vita e il suo futuro, nessuno può farla sentire in colpa o sbagliata».

È serena?
«Sono molto serena e sempre più convinta della mia scelta».