Salute

Mussomeli. abbattimento casa castello.Misuraca sarà insignito prestigioso premio

Redazione

Mussomeli. abbattimento casa castello.Misuraca sarà insignito prestigioso premio

Dom, 25/07/2021 - 09:24

Condividi su:

MUSSOMELI – Sarà insignito del Premio Gal Hassin alla Civiltà l’imprenditore in pensione, Sebastiano Misuraca, che lo scorso dicembre comperò un appezzamento di terra sotto il castello manfredonico-chiaramontano al solo scopo di abbattere l’ecomostro che da quarant’anni ne deturpava la maestosità. Un gesto nobile per restituire a tutti di poter godere dell’integrità e della bellezza di un monumento storico unico nel suo genere.Quella casa sotto il castello l’avevo da sempre sullo stomaco, ma la goccia che ha fatto traboccare il vaso è arrivata una mattina che mi trovavo coi miei nipoti nel piazzale del castello. Sono arrivati dei pullman con a bordo dei tedeschi e appena i turisti hanno guardato con orrore quel caseggiato e si sono messi le mani nei capelli, mi è scattata dentro una molla. Ho contattato i proprietari e ci siamo messi d’accordo. Ho comprato la terra e in mezza giornata ho fatto demolire il caseggiato con le ruspe. Poi ho voluto sentire cosa pensassero i miei nipoti del loro nonno, se lo ritenevano matto a spendere di tasca propria per buttare giù una casa già costruita e abitabile. Mi hanno detto soltanto: nonno, hai fatto bene. E questa è la più bella ricompensa per me. Si tratta di un atto d’amore che ho voluto fare alla mia Mussomeli grazie ai miei nipotini. E spero che questo mio gesto di sensibilità ambientale possa servire da esempio anche ad altri.”

La sensibilità ambientale insomma, come la coscienza civile, non è di carta e non fa testo, ma parla coi fatti.

A distanza di alcuni mesi da quel nobile gesto, la Fondazione Gal Hassin (Centro Internazionale per le Scienze astronomiche di Isnello) che dal 2009 ha istituito l’omonimo premio che viene assegnato a personalità del mondo delle scienze e della cultura, con propria deliberazione del 30 marzo scorso, da quest’anno ha istituito anche il Premio Gal Hassin alla Civiltà. E il primo ad essere insignito sarà proprio Sebastiano Misuraca che riceverà tale premio il prossimo 29 agosto a Isnello, sulle Madonie.

Questa la motivazione: “Uomo sensibile e filantropo, per aver realizzato a Mussomeli un intervento liberale e generoso in favore della bellezza, dell’educazione al bello e alla speranza per un futuro migliore: un gesto esemplare per la cultura e il bene comune.”

La commissione per l’assegnazione del premio della Fondazione Gal Hassin di cui è presidente Giuseppe Mogavero, è composta da Mario Di Martino (astrofisico osservatorio di Torino), Franco Foresta Martin (geologo e divulgatore scientifico), Antonio Presti (mecenate di Fiumara d’Arte a Tusa), Antonio Sottile (docente al Conservatorio di Palermo).

“Dopo quel gesto per me assolutamente normale –dice ancora Misuraca- ho ricevuto inviti da tantissime trasmissioni in tivù, ma non ho mai accettato. Non amo apparire, sono i gesti che devono parlare per noi, ma quando mi ha telefonato il presidente Giuseppe Mogavero della fondazione Gal Hassin e mi ha spiegato che avevano istituito questo premio alla Civiltà per fungere da buon esempio alle future generazioni in quanto colpito dalla mia storia che aveva letto sulla stampa, ho accettato e andrò con piacere a Isnello il prossimo 29 agosto.”

Per altro, Misuraca sta progettando un altro intervento di bonifica di grande impatto ambientale nel territorio, ma come è sua abitudine, preferisce non parlare. Prima i fatti, insomma, ché a parole tutti sono capaci, come purtroppo ci insegna la cronaca giornaliera dei nostri giorni. (fonte:LA SICILIA ROBERTO mISTRETTA)

Necrologi di Caltanissetta