Migranti, riunione tecnica Italia-Tunisia: velocizzare rimpatri, anche per Caltanissetta

1

Si svolge oggi a Roma la riunione tecnica tra esperti del governo italiano e tunisino: sul tavolo, le ipotesi di rafforzamento e miglioramento dell’intesa esistente tra i due Paesi, che non soddisfa le esigenze del Viminale. L’obiettivo – spiega il ministero dell’Interno – e’ quello di “incrementare il numero di tunisini riaccompagnati nel Paese di origine, velocizzando le operazioni”.
A questo riguardo, il ministro Salvini ha chiesto approfondimenti su quanto accaduto giovedi’ scorso quando , in particolare, 15 tunisini in fase di espulsione (su 17) non sono stati riaccompagnati nei Cpr perche’ i posti erano gia’ occupati. Il Viminale ricorda che i Cpr esistenti sono quelli di Torino (previsto l’ampliamento da 175 a 210 posti entro la fine dell’anno), Roma (ma attualmente e’ attivo il solo padiglione femminile per 125 posti: entro dicembre dovrebbero essere ultimati i lavori di ristrutturazione del padiglione maschile, con identica capienza), Bari (in corso di ampliamento da 90 a 126 posti, anche in questo caso entro fine 2018), Brindisi, Palazzo S.Gervasio-Potenza (ampliamento da 100 a 150 entro fine anno), Caltanissetta (lavori di ristrutturazione in corso, capienza 96 posti). In fase di attivazione l’ex carcere di Macomer (Noro), Modena, Gradisca d’Isonzo (Gorizia) e Milano.
“Il tanto celebrato accordo siglato dal Pd e’ insufficiente e di difficile attuazione – afferma Salvini – dopo aver bloccato gli sbarchi, ora velocizzeremo e miglioreremo le espulsioni. E alcune modifiche sostanziali alle norme esistenti, che complicano la lotta all’immigrazione clandestina, saranno modificate con i decreti sicurezza e immigrazione”

1 COMMENTO

  1. Solleciterei il Ministro a prender ein seria considerazione l’ipotesi di chiudere il CPR di Caltanissetta per sempre. Abbiamo già dato abbondantemente oltre le nostre possibilità!!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here