Salute

Rassegna stampa. Italia, l’amico è in ospedale: lui gli affitta casa e rivende i mobili

Mauro Cifelli - romatoday.it

Rassegna stampa. Italia, l’amico è in ospedale: lui gli affitta casa e rivende i mobili

Sab, 02/07/2022 - 09:01

Condividi su:

Si è fidato del suo amico dandogli le chiavi di casa per controllarla ed annaffiare le piante prima di essere ricoverato in ospedale. Una fiducia che l’uomo non ha ripagato, anzi. Approfittando della sua lunga degenza in un nosocomio romano per problemi di salute prima gli ha rubato tutto l’arredamento, rivedendolo, poi si è appropriato della sua identità mediante la quale ha poi messo in atto una vera e propria truffa degna del migliore Totò.

Una vera e propria pantomina con il fantomatico amico riuscito a raggirare anche due cittadini stranieri, a cui ha poi affittato la casa popolare Ater che doveva tenere d’occhio. A mettere in atto la truffa un uomo romano di 40 anni, ad essere affittato illegalmente un immobile Ater di via Olevano Romano, zona Villa Gordiani-Prenestino. 

Il 40enne dopo aver rivenduto gli arredi ed essere impossessato dei documenti d’identità dell’amico, si è infatto dato da fare pubblicando annunci sui siti web più conosciuti per gli affitti. Utilizzando false credenziali è riuscito poi a portare a termine la truffa, ingannando due cittadini stranieri – cittadini dell’Afghanistan – che, ignari di tutto, hanno iniziato a pagare mensilmente una quota per permanere nell’immobile del quadrante est della Capitale.

Sono stati gli agenti della polizia locale di Roma Capitale, V Gruppo Prenestino, a scoprire il raggiro, a seguito delle accurate indagini scattate dopo aver accertato le prime anomalie relative all’occupazione dell’alloggio. Fondamentali gli accertamenti da subito avviati dal personale, diretto dal dirigente dottor Roberto Stefano, che, attraverso una approfondita analisi dei movimenti eseguiti tramite una carta di credito prepagata, è riuscito a risalire all’identità dell’uomo, resosi irreperibile.

Grazie alle ulteriori e capillari indagini, gli operanti hanno potuto rintracciare il truffatore presso la città di Trani, in Puglia. L’uomo è stato quindi denunciato all’autorità giudiziaria con le accuse di truffa, furto e sostituzione di persona.