Salute

San Cataldo: studenti del De Amicis alla scoperta delle miniere

Redazione 2

San Cataldo: studenti del De Amicis alla scoperta delle miniere

Lun, 22/11/2021 - 16:08

Condividi su:

Al Primo Circolo De Amicis di San Cataldo, nell’ambito del progetto PON di cui all’Avviso 9707/2021, gli alunni sono coinvolti nello studio della tradizione mineraria sancataldese, guidati dall’esperto, prof. Gero Valenti e dalla tutor, ins. Daniela Lombardo.

Sabato 27 novembre, alla miniera Gabara, i bambini visiteranno le miniere, guidati dal geologo dottor Angelo La Rosa.

Nella stessa mattinata, Lino Pantano rappresenterà la famosa novella di Pirandello “Ciaula scopre la luna”.

“La testimonianza si presta in modo privilegiato ad educare alla memoria, con una attenzione tutta particolare alle vicende del Novecento, comprese le pagine più difficili della storia.

Si mira a creare un nuovo modo di valorizzare il bagaglio di ricordi e documenti della comunità, combinando recenti tecnologie web, serietà scientifica, con un approccio creativo nella condivisione e narrazione multimediale dei contenuti.

Il progetto mira anche a connettere le generazioni, confrontando e travasando i saperi, rafforzando in modo dinamico e divertente la memoria condivisa, coinvolgendo in modo attivo sia i più anziani che i giovani”, afferma Rossana D’Orsi, Dirigente della scuola.

“Abbiamo voluto che i nostri alunni si confrontassero con la Storia partendo da documenti e testimonianze individuali e familiari, nella convinzione che questo materiale “microstorico”, frammentato e disperso, possa costituire un patrimonio collettivo importante e alternativo nella ricostruzione della storia della comunità.

Ci proponiamo la ricostruzione il passato della Città attraverso i ricordi, le immagini e le testimonianze di tutti coloro che l’hanno vissuto, ponendosi come incubatore di memoria e di idee”, continua Gero Valenti.

Il progetto si concluderà con la realizzazione di videointerviste, montaggio a cura del fotografo Attilio Mangione di San Cataldo

Necrologi di Caltanissetta