Salute

Italia, Coronavirus: aumento malati (+2886) resta stabile: è ancora picco. Calano i ricoverati gravi

Redazione

Italia, Coronavirus: aumento malati (+2886) resta stabile: è ancora picco. Calano i ricoverati gravi

Sab, 04/04/2020 - 19:27

Condividi su:

Italia, Coronavirus: aumento malati (+2886) resta stabile: è ancora picco. Calano i ricoverati gravi

Nel giorno in cui i guariti dal coronavirus raggiungono quota 20mila e il bilancio supera drammaticamente i 15milamorti, l’Italia continua a guardare alla curva del contagio che resta stabile. I valori di nuovi contagi, malati e tamponi fatti più o meno è nella media dei giorni scorsi, pur con qualche naturale fluttuazione.

I dati del nuovo bollettino della Protezione Civile parlano di un aumento dei malati (ovvero le persone attualmente positive) pari a 2886 unità (negli ultimi tre giorni erano stati 2.937 mercoledì, 2.477 giovedì e 2339 ieri).

Ma il dato più significativo è il fatto che che continua ad allentarsi la pressione sui reparti di terapia intensiva: i ricoverati, in questo momento, sono 3.994 , cifra in calo dell’1,8 per cento giorno su giorno.
«È la prima volta che questo dato cala dall’inizio dell’epidemia», sottolinea il capo della Protezione civile Angelo Borrelli in conferenza stampa. 

Purtoppo resta alto anche il numero delle vittime, che non accenna ancora a rallentare. Nelle ultime ventiquattr’ore sono morte 681 persone (ieri le vittime erano state 766), arrivando a un totale di decessi di 15.362. Anche i guariti restano sugli stessi livelli e raggiungono il totale di 20.996, per un aumento in 24 ore di 1238 unità (ieri erano guarite 1480 persone).

Il numero totale di persone che hanno contratto il virus dall’inizio dell’epidemia è 124.632 (4805 nuovi contagi rilevati nelle ultime 24 ore, mentre ieri erano stati 4585). I tamponi fatti oggi sono stati 37.375, un numero più o meno stabile rispetto a ieri (38.617).

Abbastanza stabile anche il rapporto tra tamponi fatti e casi individuati: è di 1 malato ogni 7,7 tamponi fatti, ovvero il 12,8%.