50 anni dalla “maturità”: la III C del Liceo Ginnasio “Ruggero Settimo” di Caltanissetta tra ricordi ed iniziative

0

Tornano a riunirsi, a mezzo secolo esatto dal conseguimento del diploma di Maturità Classica, gli alunni della III C del Liceo Ginnasio “Ruggero Settimo” di Caltanissetta. Essi sono stati i primi, al termine dell’anno scolastico 1968/69, a sostenere il nuovo esame di stato riformato e oggi, ormai quasi tutti pensionati settantenni  o, come amano scherzosamente definirsi, “diversamente giovani”, tralasciando per qualche giorno famiglia e impegni personali, verranno da Verona, Brescia, Bologna, San Giovanni Rotondo, Roma, Ostia,  Ardea, Pomezia, Lentini, Palermo, Canicattì, Mussomeli, Montedoro, San Cataldo e Caltanissetta per ritrovarsi insieme nel primo pomeriggio del 6 dicembre nella loro vecchia aula del “Ruggero Settimo” nella speranza di potervi incontrare qualche studente e professore attuali a cui trasmettere esperienze di  vita, entusiasmo e rinnovata speranza nel futuro. Deporranno, infine, sulla cattedra un mazzo di fiori per omaggiare, con indimenticata stima e gratitudine, la memoria dei loro insegnanti ormai tutti deceduti tranne uno. Il giorno successivo si trasferiranno a Montedoro dove andranno a visitare il locale Museo della Zolfara (seguendo il percorso pirandelliano di “Ciaula scopre la luna”) e l’Osservatorio Astronomico. La cena conviviale si svolgerà presso la struttura alberghiera di proprietà di un componente del gruppo, il Dott. Pietro Petix, presso la quale si potrà anche pernottare e al calar della notte si parteciperà alla fiaccolata mariana, con i canti della tradizione, lungo le strade della Città. Il programma dell’incontro si concluderà domenica 8 dicembre allorchè, dopo la partecipazione alla Messa parrocchiale con omaggio floreale all’ Immacolata da parte della III C, si procederà al pranzo di gala e, nel primo pomeriggio,  una breve cerimonia di commiato segnerà il momento del ritorno alla spicciolata dei partecipanti alle sedi di origine.

L’ideatore e organizzatore dell’evento, Dott. Lelio La Verde, ha dichiarato: “Sono molto contento di avere promosso questa iniziativa che sta risvegliando in tutti noi una serie di piacevoli ricordi che risiedevano, dopo cinquant’anni, in una piccola nicchia. Sono certo che quando ci incontreremo tanti altri ne verranno fuori, assieme alle storie e alle vite parallele di un gruppo di giovani di provincia degli anni sessanta che hanno attraversato un periodo denso di avvenimenti, di cambiamenti, di continuità e di rottura con il passato, di gioie e di dolori che li hanno certamente temprati; e ciascuno ha dato il suo personale ed encomiabile contributo allo sviluppo di questa società. Certo, a volte diciamo che non ci piace, che l’avremmo voluta migliore, ma rendiamoci conto che da soli non potevamo fare di più, e di quello che abbiamo fatto, pur nel nostro piccolo quotidiano, dobbiamo sentirci orgogliosi”. Da parte sua, Aldo Lazzara, curatore della stesura del programma, ha sottolineato che: “Nonostante abbia attraversato e vissuto pienamente lo spirito e le  bufere del ’68, la nostra indimenticabile III C ha saputo incarnare, salvaguardare e irradiare tutti i valori più alti di quella Humanitas tenacemente trasmessaci da insegnanti di altissimo spessore culturale e di grata memoria,  valori universali e irrinunciabili che, per dirla con Don Bosco, continuano a plasmare nel tempo buoni cristiani e onesti cittadini”. Nel corso di questi cinquant’anni tre degli ex alunni della III C, Gioacchino Milazzo, Biagio Rizzo e Bartolo Spallina, sono deceduti. E deceduti sono anche i professori Salvatore Cordaro (Italiano e Latino), Salvatore Riggi (Greco), Salvatore Federico (Filosofia), Giuseppe Bufalino (Matematica e Fisica), Michele Cordaro (Storia dell’Arte), Alfonso Iannì (Educazione Fisica) e Don Felice Dierna (Religione). Francesco Mangiavillano, invece, insegnante di Scienze, è vivo e parteciperà ai festeggiamenti del Mezzo Secolo assieme a quasi tutti gli ex alunni della III C che sono: Alio Luigi, Arcidiacono Santino, Bellini Giacomo, Binanti Carmelo, Brancato Paolo, Brischetta Salvatore, Calì Giovanni, Canalella Francesco,  D’Errico Michele, Galante Piero, Gangi Luigi, Giambra Maurizio, Giuliana Giuseppe,  Iacuzzo Salvatore, Insalaca Gaspare, La Verde Lelio, La verde Raimondo, Lazzara Aldo, Mistretta Federico, Naro Cataldo, Ognibene Mario, Petix Pietro, Profeta Carmelo, Romano Sergio, Russotto Giuseppe, Scarpulla Giuseppe, Tavella Filippo, Valenti Roberto, Valenti Salvatore e Vanoli Claudio.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here