“Maria Immacolata Longo” Mussomeli: tanti pensionati e non ci sono sostituzioni

0

MUSSOMELI – RASSEGNA STAMPA – Un’emorragia continua di personale  all’Ospedale ”Maria Immacolata Longo”. Personale che va in pensione  a conclusione della propria vita lavorativa , ma non viene sostituito  nella stragrande maggioranza dei casi. L’altra sera con una cena, ha salutato i colleghi di lavoro, il ragioniere capo Angelo Ladduca, responsabile dell’area amministrativa. Con lui che in passato maturò un’esperienza anche come assessore comunale, va in pensione un pezzo di storia dell’Ospedale cittadino che  aprì i battenti nel 1070 e per 20 anni fu un faro per la sanità nel Vallone. Poi, alle fine degli anni novanta il lento declino provocato da scelte politiche nazionali che hanno via via ridotto l’ossigeno agli ospedali di periferia, portandoli ad un passo dalla chiusura, mantenendo attivi soltanto pochissimi reparti. E così ad esempio, nel Laboratorio Analisi  che ai tempi d’oro contava sei medici, dopo l’ultimo pensionamento del dott. Giuseppe Sorce che ha fatto seguito negli anni a quelli dei colleghi non sostituiti, è rimasto in servizio soltanto un medico, il dott. Enzo Spiaggia,  con tutto quello che ne consegue in termini di efficienza e servizio agli utenti  oltre che di carico di laoro per lo stesso. Anche ilo dott. Giuseppe Sorce che da circa una anno era responsabile del Laboratorio Analisi, ha voluto salutare i colleghi con una festa. In pensione anche Pasquale Messina, l’amico del fantasma del castello, da anni in servizio presso il Cup/ticket. Anche le file degli infermieri  continuano ad assottigliarsi  sempre più. In questi giorni sono andati  in pensione due colonne  portanti dell’Ospedale  che hanno prestato servizio  tra le mura del locale nosocomio fin dalla sua apertura: Enza Lucerna ed Angelo Prezioso. La prima in medicina dove l’altro giorno ha ricevuto l’abbraccio di medici e colleghi. Il secondo al Pronto Soccorso  dove per anni fu anche  autista di ambulanza . Tra i pensionati c’è anche la signora Silvana Bullaro grande colonna dell’amministratore nonché moglie del dott. Paolo Mingoia primario  del laboratorio che lui in pensione.   Continui pensionamenti anche tra il personale ausiliario. Nei mesi scorsi  sono andati in quiescenza la signora Enza Callari, in servizio presso la Chirurgia; la signora Maria Minichelli, in servizio al Pronto Soccorso, e, infine, la signorina Ninetta Catanese, in servizio in Lungodegenza. Ebbene, di fronte a tante unità ospedaliere  andate in quiescenza, soltanto un’unità ausiliaria  è stata sostituita  a seguito di cambio consensuale  con una collega in servizio  a San Cataldo. (FONTE: “ LA SICILIA”)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here