Parte il progetto “La Legalità nel piatto”, Cannata (FI): “Utile a promuovere valori di giustizia e solidarietà attraverso i piatti che comunicano il rispetto per il territorio”

0

AVOLA – “La legalità nel piatto”, progetto inserito nell’ambito degli interventi finanziati nell’anno scolastico 2018/2019 dall’assessorato regionale per l’Istruzione e la Formazione, prende il via oggi all’Istituto d’istruzione superiore statale Majorana di Avola.

“L’intento è quello di attuare percorsi di legalità e lotta alla mafia e alla criminalità organizzata.
Gli allievi, guidati da esperti del settore della ristorazione, saranno guidati alla sperimentazione di piatti siciliani, avvalendosi di prodotti rigorosamente Made in Sicily, che diventano veicolo e ‘racconto’ di valori.
Cibo, etica e legalità sono le parole chiave che accompagneranno i laboratori formativi nella profonda convinzione che non può esistere cibo buono se tutta la filiera in cui questo è inserito non poggia le sue basi sul rispetto, l’equità, l’onestà e legalità”. A riferirlo è la deputata di Forza Italia all’Ars, on. Rossana Cannata.

“Per la portata innovativa del percorso formativo e dell’impatto sociale e territoriale del progetto, di cui è pionere l’istituto guidato professionalmente dal dirigente scolastico, prof. Fabio Navanteri – conclude la Vicepresidente della Commissione Antimafia e Anticorruzione – ho presentato un emendamento al collegato in cui si prevede, in occasione della Giornata regionale del Ricordo e della Legalità, l’organizzazione nelle scuole dell iniziativa ‘La legalità nel piatto’, con lo scopo di promuovere i valori della giustizia e della solidarietà attraverso la sperimentazione e l’attuazione di piatti che comunicano il rispetto per il territorio e per le persone. Durante tale giornata, verranno allestiti nelle scuola laboratori attivi nei quali gli allievi, guidati da esperti del settore della ristorazione e da aziende del comparto agroalimentare locale, elaboreranno piatti che esaltano l’identità siciliana, utilizzando in via prioritaria prodotti forniti dalle aziende dedite alla coltivazione delle terre confiscate alla criminalità organizzata”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here